Essa si estende su una vasta gamma di temi: dalla foresta incantata, romantica e magica, all’oscuro mondo ultraterreno di vampiri gotici. Temi classici sono reinventati con un design forte e di impatto e nuove creature prendono vita in un modo unico e accattivante.

Originaria di Londra, trasferitasi nel nord dell’Inghilterra, Anne ha iniziato la sua carriera come merchandise designer, progettando tour di merchandising per numerose band, tra cui i Queen e i Rolling Stones.

Ha lavorato come designer di gioielli e scultrice di produzione per la Terry Pratchett’s Discworld (https://it.wikipedia.org/wiki/Mondo_Disco) e Harry Potter. Le sue t-shirt sono state indossate da molte band note al pubblico, oltre al fatto che un suo disegno rappresentante il tatuaggio di un teschio è stato scelto come vestito per Mike TV nel film “Charlie e la fabbrica di cioccolato” di Tim Burton.

In seguito è diventata un’illustratrice freelancer a tempo pieno, lavorando anche a una serie di libri e giochi anche attraverso la creazione di concept art e illustrazioni per Dungeons & Dragons.

La carriera artistica di Anne è progredita ulteriormente quando si è dedicata unicamente a promuovere le sue creazioni ed ha ampliato la gamma dei suoi dipinti a tema fantasy.

Per trasmettere maggiore pathos e significato alle sue opere, Anne ricorre al simbolismo ed è per questo che sono state enormemente acclamate.

Lavorare con la Art Ask Agency le ha permesso di ricevere la concessione di licenza su una vasta gamma di prodotti venduti in tutto il mondo tra cui magliette, manifesti, copertine di libri, calendari, puzzle, carte dei tarocchi, sculture, tazze, gioielli e biglietti di auguri. Attualmente continua a produrre diverse opere e a pubblicare diversi libri.

Sito web: http://www.annestokes.com/

Immagini prese da Google
235233a-emp anne stokesdefault

 

Condividi
Articolo precedente#nerodeepiceland
Articolo sucessivoL’articolo che non ho scritto
Ornella
“C'è soleluna dentro me, c'è l'acqua e c'è il fuoco, c'è notte, giorno, terra e mare, c'è troppo e c'è poco.”

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here