Ciao! Iniziamo questo viaggio insieme. Poesie, filastrocche, raccontini, articoli, pensieri a tema … collage, e digital art.
Questa poesia ha 20 anni se non di più, premiata e pubblicata in una antologia della La Torate di Cussignacco.

Campo dei meli: da bambina ce n’era uno davanti a casa, si vedevano tutte le metamorfosi delle stagioni, bello.
Una madre ed una figlia, un rapporto delicato,  e poi si lasciano, nel senso che io sono partita per un sogno e la mia vita … qui in Friuli.

CAMPO DEI MELI

Nata da una bocca salata
nel campo dei meli
sull’erba rubata
dalla madre di ieri
cammina la figlia dei sensi.
Pensa all’affetto del sole
che veste il sorriso dei sogni.
Non piange sul segno passato,
cammina oltre i frutti caduti.
Qualcuno legava i suoi fianchi
al dolore,
i suoi occhi ad un cieco.
Ma si è innamorata
di un giorno nuovo
ed ha visto il suo cielo.
La madre schiava del  tempo
mostra l’accetta ai destino
ad abbatte i suoi meli.
La madre non riesce a vedere
la libertà
al di là dei suoi campi.
La figlia scioglie i suoi fianchi alla terra
ed incontra purezza …
Tornerà per seminare
un nuovo progetto
per dire che gli occhi e le mani
sono fatti soprattutto di materia felice.
E l’amore non è un grido
od un pianto,
non una mela lasciata cadere,
non è un frutteto abbattuto.
Nasce dalla libertà …
E’ una madre che regala una figlia al vento
è una figlia che vede la madre ilare i campi.

GLORIA CORRADI

Qui sopra “Entrata verde”: un collage + digital, dedicato alla natura …  fa parte di alcune immagini-entrata, dove dei buchi immaginari o reali fanno entrare in altri mondi … Nelle mie opere surreali, i cibi e gli elementi della natura si siedono felici di convivere con altri che danno vita a nuove forme, a stimoli, sogni, ad una visuale più ampia ed armoniosa.
Trovate alcune mie opere in mostra fino al 1 luglio Al posto di conversazione di Remanzacco.

A presto!

Leggi l’intervista a Gloria Corradi su Blud!

 

1 commento

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here