Probabilmente buona parte di voi ha già una risposta ben precisa nella testa, ma qui non stiamo parlando di voi, quanto di me. Chiariamo una cosa: a me il cinema piace. Moltissimo. Soprattutto quando lo fanno a 2-3€ a metà settimana, quando pensi “Andiamo, è infrasettimanale, non ci sarà nessuno!” e invece la gente è povera e “mercoledì is the new sabato” che Ramsey Bolton levate che se non sono il primo della fila ti lascio solo immaginare che te faccio!

Adoro il cinema. Adoro lo schermo gigante, le poltrone giganti super comode, l’audio.
Il cinema è bello perché è tutto gigante, anche gli stronzi.
Perché, tu, stupido genitore, devi portare al cinema tuo figlio piccolo che NON STARA’ MAI LI’ SEDUTO, BUONO E CALMO a vedersi il film come un comune mortale? No, non lo farà, e sai perché non lo farà? Perché è un cazzo di bambinooooo non stanno fermi 5 minuti figurati 2 ore!!!!!

La gente che parla. Adesso tu dimmi cosa vieni a fare al cinema quando hanno inventato i bar per fare conversazione. No ma tu me lo devi spiegare. Perché la telecronaca non mi serve dal momento che sono in sala con te e lo sto guardando anch’io quindi, spiegami perché non scegli di fare altro.

Quelli che ridono A CASO. In sala regna il silenzio (perché lo stupido genitore ha fatto l’unica cosa intelligente da fare: è uscito col bambino) e c’è immancabilmente un pirla che ride a caso. Nei film non si ride a caso. Nemmeno durante i film comici. Figuriamoci quando non lo sono.

I RITARDATARI. I peggiori. I ritardatari io li odio nella vita: arrivare in ritardo è un segno di maleducazione verso la persona con cui hai l’appuntamento: dubito che tu arrivi ogni mattina in ritardo a lavoro quindi, se riesci ad arrivare puntuale in quell’occasione, cosa ti fa pensare di non poterlo fare tutte le altre
La pubblicità iniziale dei film ha un margine di 7 minuti al massimo e tu, devi aprire quella cazzo di porta mezz’ora dopo che, vojo dì, ma stai a casa! COSA PAGHI IL BIGLIETTO A FARE!?
E poi non riesci mai a trovare un film che vada bene a tutti, quindi sai che c’è? Io sto a casa, mi vedo il film che voglio, in tutta tranquillità e silenzio, mentre mi mangio lo schifo mistico e a nessuno da fastidio se faccio rumore mentre mastico.

Perché vogliamo parlare di quelli che bevono la coca-cola con la cannuccia? E RISUCCHIANO! Oddio, gli sgrisuli.
E poi i braccioli. Come fai a mettere un bracciolo in comune a due poltrone, che non sai se è tuo o di quello che ti siede accanto? Bisognerebbe contare i braccioli dall’inizio per capire quale ti spetta di diritto perché, Egregio Signor Direttore Del Cinema, è un attimo che partono le gomitate.
Le stesse gomitate che vorrei tirare a quello che trovo seduto sella MIA poltrona. Voglio dire, sei andato in cassa, no? Hai fatto la fila, no? Hai pagato per avere il TUO biglietto? Ecco. Su quel biglietto ci sono scritti rispettivamente numero di sala, fila e posto a sedere. Adesso mi spieghi: per quale cazzo di oscuro motivo ti devi sedere nel MIO?

Ed infine, ma non perché meno importante, l’utilità di entrare dall’ingresso principale in 2 minuti per poi farsi corridoi interni infiniti per uscire a film terminato.
Cioè, so perché lo fanno, ma questo articolo è pieno di lamentele quindi sapete che c’è? C’è che IO OOODIIIIIOO FARE TUTTA QUELLA STRADA PER USCIRE DAL CINEMA!

Basta, mi scarico Netflix.

(immagini da pixabay)

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here