Nonostante la neve, la pioggia e la bufera, Blud era a Forni di Sopra il 4-5-6 marzo per il Crazy Bob.

Oltre 2000 le persone che hanno voluto assistere alla corsa sulla neve più pazza che ci sia, un bel colpo per il turismo delle dolomiti friulane, l’evento infatti già da qualche anno ha conquistato l’interesse dei giovani e meno giovani che hanno invaso le strade di Forni.

Slitte colorate, veicoli di fortuna, slitte elaborate e veicoli dalle forme più strane, queste le protagoniste dei 3 giorni di gare, in tutto trentaquattro i carri in gara e oltre 200 comparse, provenienti dal Friuli Venezia Giulia e dal Veneto.

Tre giorni di divertimento, immersi in un bianco che più bianco non si può.
Se l’inverno ha tardato a farsi sentire infatti, di sicuro nelle ultime settimane le nostre montagne ne hanno vista di neve!

Qui vi proponiamo una selezione di foto di quei giorni, by Mike Marin

CrazyB-1CrazyB-2CrazyB-9

CrazyB-21CrazyB-26CrazyB-41 CrazyB-42

CrazyB-44CrazyB-47

Articolo precedenteMondiali di Deltaplano nel 2019
Articolo sucessivoNumero Zero, il documentario sul rap italiano che tutti aspettavano
Mike
Michele, conosciuto per lo più come Mike o MistaMike. Classe ’85, di Udine da sempre. Un po’ schivo e timidone ma cerca sempre il modo di non esserlo. Quando ne ha voglia. Caotico di natura, sempre in disordine. E la cosa non gli dispiace. Amante di un sacco di cose: dal writing, attivo una volta, ora un po’ meno, alla fotografia...è un tipo a cui piace immortalare attimi e non necessariamente persone. Gli piace cucinare, ma detesta i broccoli e i carciofi. Si diverte a cimentarsi in lavoretti grafici, video ed editing. Di musica ne ascolta parecchia, e parecchio varia: dai classici ’70, con la quale è cresciuto, fino ad arrivare alle produzioni estreme di Aphex Twin o Squarepusher, passando per la dnb, techno, elettronica varia, hip hop (old school), dub-techno (genere alla quale si sta affezzionando parecchio), dub, reggae, jazz e via dicendo... Sempre in sella alle sue fidate bici una fissa e una cazzutissima bici da montagna. Non per moda ma per scelta.  Il mare gli piace, ma preferisce i fiumi. Meglio se ci sono le montagne di mezzo. Pensa che scendere per i pendii delle montagne in sella ad una bici è una gran figata! Gli piace viaggiare e quando ne ha la possibilità non si tira indietro. I colori gli piacciono un sacco, il grigiume un po’ meno. Ogni muro grigio che vede se lo immagina già con qualche “pezzo” disegnato sopra, forse è per questo che ha una buona collezione di libri sul “writing”.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here