Giorno 16 AMBURGO
Diario di bordo del capitano, data astrale 13 luglio 2015, giorno sedici.
Venerdì mattina sono partita per Amburgo e sono rientrata a Kiel domenica sera, oggi è lunedì e mi devo ripigliare. Sono andata in bus, un’ora e mezza all’andata ed un’ora e mezza al ritorno, per un totale di 12 euro di viaggio. Li sono stata ospite di un amico, ho camminato due giorni e due notti, ho visto localini proprio carini, la follia della street parade, il vento, il sole, la pioggia, il caldo. Gran bella città, si vive bene da quello che ho potuto capire e di certo la movida non manca.
Il vecchio mi ha raccontato che a febbraio prende un furgone con un amico, attraversano Francia, Spagna, Marocco, Burkina Faso, Mali e arrivano fino in Ghana. Hai capito il vecchio.

Giorno 17
Diario di bordo del capitano, data astrale 14 luglio 2015, giorno diciassette.
Mi mancherà Kiel. La sua calma, i gabbiani, il mare. Soprattutto il mare. 
Ero partita che quasi volevo andare diretta a Lipsia, ora pensare di andare via mi dispiace. 
Ero arrivata che dopo un po’ sentivo la necessità di parlare italiano, adesso quando sento gli italiani (quei pochi che di passaggio per la Svezia) telo dritta. Come cambiano le cose, eh?

g16_9g16_8g16_7g16_3g16_2g16_1

VIDEO

Condividi
Articolo precedenteDiario di Bordo . giorno 11
Articolo sucessivoDiario di Bordo . giorno 18
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 240 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Renzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here