Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

Diario di bordo del capitano, data astrale 19 luglio 2015, giorno ventidue.
Ieri sono andata a Lubecca. Che dire. Per una come me che vive nel mondo delle favole è un sogno, splendida. Peccato per l’inculata.
Ho preso il bus turistico, il classico, quello a due piani, aperto sopra. Credevo, pensavo (speravo!) che fosse come in ogni città in cui l’ho preso: audioguida in diverse lingue e poter scendere e salire quando volevo.
Invece tiè, voce narrante solo in tedesco, capito ‘na madonna. Ma mi sono detta “dai, ho tempo, mi faccio il secondo giro e vediamo se capisco qualcosa in più”. Sì. Peccato che la signora controllora quasi voleva menarmi perché non scendevo a fine giro e mica capivo. E lei non capiva me, visto che inglese manco a pensarci. E quindi niente, 9 euro, solo un giro, 50 minuti, onlygerman. Ok… c’ho provato, apprezziamo l’impegno.
Vado a mangiarmi qualcosa in riva al fiume allora, un bel birrino e vediamo… scampi, tomaten.. si ok, questa mi sembra una cosa leggera e il mio stomaco ne ha bisogno.
Già. Peccato che non avevo capito che gli scampi erano fritti. E giù.

La sera alla fine mi sono convinta ad uscire un paio d’ore, trucco e parrucco (senza tropo impegno in verità) e via. Paura! Se durante il giorno la città è sempre affollata a qualsiasi ora, la sera c’è il deserto totale, tutto chiuso, nessuno in giro. A parte in Bergestraβe, che è la via di perdizione di Kiel a quanto pare.
Solo che non ero molto ispirata ad entrare in un locale e provare i loro fantastici cocktail a 3 euro e 90. Direi che aspetto di tornare a Udine e fare un pit-stop in Taverna.
Così passeggiata serale, vista Kiel by night, mandi e grazie di tutto.
Stamattinami sono svegliata con la pioggia. Forse è la giornata giusta per sistemare le foto di questi ultimi 20 giorni e riposarle stanche membra.

g22_1g22_10g22_9g22_8g22_7g22_6g22_5g22_4g22_3g22_2

 

 

 

 

VIDEO

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
Condividi
Articolo precedenteDiario di Bordo . giorno 20 . Kiel
Articolo sucessivoDiario di Bordo . giorno 24
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 250 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Enzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here