Giorno 28
Diario di bordo del capitano, data astrale 25 luglio 2015, giorno ventotto.
Ieri sera meeting Udine-Palermo a Berlino, non male come trasferta direi.
Oggi finalmente street parade.

Giorno 29
Diario di bordo del capitano, data astrale 26 luglio 2015, giorno ventinove.
Musica, gente che balla, il sole, il caldo, il vento, il vino portato da casa, camminare e ballare contemporaneamente. Ah la technazza, il primo amore non si scorda mai.
Far pipì in un cespuglio, tutti culo all’aria perché oh, da qualche parte bisogna pur farla e siccome non è che ci fosse poca gente, i cespugli erano affollati ma a nessuno gliene poteva fregare di meno. Figuriamoci a me.

Arrivati alla fine del percorso, dopo 6 ore intense e caotiche, eravamo davanti ad una scelta: o iniziare a drogarci tantissimo per avere la forza di ballare ancora, o lasciar perdere le droghe e puntare il cibo. Opinione condivisa, scelta la seconda opzione. Il cibo vince.
Kebabbaro, ultimi giri, bus, treno, camminare ancora, ora di notte ci siamo addormentate guardando Adventure Time.

E’ molto bello farsi una giornata di musica sparata nelle orecchie e addormentarsi con i cartoni animati, ha un che di poetico.

https://www.youtube.com/watch?v=RtCDSMERBNI

g28-5 g28-4 g28-1 g28_2

Articolo precedenteDiario di bordo. giorno 30
Articolo sucessivoQua le regole le faccio io
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 240 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Renzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here