Il locale di Pradamano (UD) Rock Club 60 ospiterà il 16 dicembre un evento decisamente atteso da tutta la comunità Hip-Hop friulana. Dj Gruff, uno dei pionieri italiani di questa cultura, arriverà nel capoluogo friulano munito di vinili di pregio e skills a volontà. Organizzato da Ambra Bassculture, Dj Cic 1 e Freedom Funk Riders, esponenti cittadini della cultura urban udinese con alle spalle l’organizzazione di altri numerosi eventi di successo, la serata inizierà alle ore 20.00.

Ambra Bass Culture nasce nel 2011 da una passione condivisa tra due fratelli ma affonda le sue radici nella metà degli anni 90 quando il più grande già era un attivo dj e promoter nella nostra regione e nelle vicine Slovenia e Croazia. Prima con la JungleFeverKru e poi con Northern Lights Sound System. Tra serate in Triveneto e in Slovenia, Ambra ha portato decine di artisti nazionali ed internazionali ed è ormai un entità riconosciuta, tra gli addetti ai lavori in Italia, nella scena della bass music.

Dj Cic.1, classe 82′, è invece uno scratch-dj nato e cresciuto tra i vinili. Anni passati tra Club, Festival di bass-music e eventi legati al freestyle e alla Hip Hop Culture  in tutto il nord est e Slovenia plasmano il suo stile funky fresh fantasioso. E’ anche produttore di breakbeat e organizzatore di eventi assieme al soul singer Brucaliff, sotto lo pseudonimo di  Freedom Funk Riders.

L’ospite Dj Gruff, invece, ha cominciato ad avvicinarsi all’Hip-Hop attraverso lo scratch nel 1982 per poi cimentarsi sia nella brakdance che nel beat-box, fino ad apprendere le tecniche del rap e della produzione di beats. La produzione di questo artista Hip-Hop con profonda conoscenza di tutte le discipline della Cultura è legata al nome di numerosi gruppi che hanno fatto la storia del rap italiano: Radical Stuff, Sangue Misto, Casino Royale, Isola Posse All Star, Alien Army, tanto per citare qualche nome e se provate a pensare ad uno qualsiasi dei pesi massimi dell’Hip-Hop nostrano, da Esa, a Kaos, quasi sicuramente troverete il nome di Gruff tra i featuring.

Per quei pochi che ancora non conoscono i suoi lavori, consiglio di cominciare dal album Rapadopa (1993), per poi continuare sulle note di SxM (1994) dei Sangue Misto, procedere con O tutto o Niente (1999) fino al visionario Sandro O B (2009), facendo anche qualche tappa intermedia sui dischi di altri dove regala autentiche perle come Suker per Sempre (su Fritz da cat, 1999) o Solo Fumo nel lavoro di Neffa 107 elementi.

Gruff è un artista senza compromessi e in certi casi con posizioni ed atteggiamenti sopra le righe, soprattutto sui social, dove spesso lancia invettive contro questo o quel collega. Il fine ultimo è il bene dell’Hip-Hop, dice lui, ed in effetti una critica di Dj Gruff equivale a cento complimenti di qualsiasi altro esponente del Hip-Hop italiano. Così è, se vi pare, e vi conviene venire in massa al Rock Club 60 perché si preannuncia uno spettacolo coi fiocchi, in pieno stile rapadopa, s’intende. Noi di Blud, manco a dirlo, saremo media partner, pronti a cogliere il meglio di questa spumeggiante serata.

Evento facebook: http://bit.ly/2yJURVU

Condividi
Articolo precedenteSuns Europe 2017, intervista a Leo Virgili
Articolo sucessivoIl Museo delle Illusioni
Shef
Shef, classe 1983, una laurea in Lettere, rapper ed mc dal 2001. Appassionato di Hip Hop e street-culture, rap, areosol art, storia, letteratura, architettura, cinema. Hobby preferito: visitare musei e mostre d’arte. Vizio: la cioccolata al latte. Nei ritagli di tempo, scrittore di racconti e articoli vari. Non sopporta fare la fila e le persone ritardatarie, ma quando può professa con convinzione l’arte del perdigiorno passeggiando senza meta nel centro cittadino di Udine.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here