Oggi “ai nostri microfoni” Eugenia, trasferita temporaneamente a Maribor perchè.. beh, lascio che ve lo dica lei 😉

Ciao Eugenia, raccontaci un po’ di te: chi sei, dove vivi…

Sono E, friulana doc temporaneamente emigrata a Maribor. Mesi fa ho preso parte a “Go plus learn“, il  programma di mobilità formativa in Europa promosso dalla Regione FVG. Dopo aver passato l’iter selettivo, ho scelto la Slovenia come sede di destinazione per il tirocinio; mi è  stata proposta il fervido centro culturale di  Maribor come meta finale, in quanto qui avrei potuto perfezionare le skill che, dita incrociate, dovrei acquisire al termine di questa esperienza.

So che in questo momento ti stai occupando Festival organizzato dal Narodni Dom, ce ne vuoi parlare?

Il Narodni Dom Maribor è un’istituzione pubblica,  centro eventi per tutte le età e per tutti i gusti. Circa 1800 eventi sono organizzati ogni anno – nel loro numero sono il secondo maggiore organizzatore culturale in Slovenia. Tre quarti di questi eventi si svolgono durante il Festival della Lent. E’ proprio di quest’ultimo che mi occupo. Con 25 anni di tradizione, ogni giugno il Festival Lent è uno dei più antichi e grandi festival all’aperto dell’Europa centrale, che trasforma Maribor in un gigantesco palcoscenico all’aperto e un vivace luogo di incontro per persone provenienti da tutto il mondo.
Il Festival Lent è suddiviso in 17 location di cui una è il mainstage, offre un vasto programma . Si può scegliere  tra concerti pop, rock, jazz, musica classica e world music, spettacoli open air ballet e opera, musical, folclore, danza contemporanea, teatro di strada, cabaret, circo, cabaret, spettacoli per bambini, lezioni di meditazione e yoga all’aperto, o semplicemente passeggiare lungo le pittoresche sponde del fiume e gustare una cena all’aperto in uno dei numerosi ristoranti pop-up del festival!
 Per questa edizione due sono gli headliner del grande palco, i “Dubioza Kolektive” e “Umek“; il primo è un famoso gruppo musicale balkan bosniaco, il secondo un leggendario dj techno. Ci saranno anche degli ospiti di portata internazionale come Josè James, giovane cantante statunitense dall’  inconfondibile voce; vi svelo che sono contenta di aver conosciuto artisti come “Magnifico”, cantante sloveno che dice di essere un ciarlatano, di non avere una laurea ma che crede nel potere della musica: come lui, tutti gli artisti, o meglio, l’arte in generale è un veicolo importantissimo per l’incontro e la condivisione tra le persone.
Per il programma completo eccovi il link https://www.festival-lent.si/en/programme/ .

Adesso mettiti nei panni di chi non c’è mai stato: perchè partecipare al Festival?

Io mi chiedo, perchè NON partecipare!? Diventare un #Lentamo, colei/lui che visitano il Festival,  significa camminare per le strade della città vecchia visitando luoghi diversi, per socializzare, prendere un boccone, bere qualcosa e divertirsi! E’ possibile acquistare una “Lent-Card”, con cui successivamente si può usufruire di uno sconto sui ticket per i concerti  o, altrimenti, si può acquistare anche il singolo biglietto. Che sia troppo costoso? No, ve lo garantisco: ci sono ottimi concerti gratuiti, jazz e non solo, in tutto il  borgo; senza dimenticare le attività per i bambini al ‘Mesti Park‘, un’ immersione nella parte più verde della città.

Direi che a questo punto partecipare è d’obbligo! Qualche indicazione pratica su come arrivare a Maribor

Spostarsi con l’auto rimane forse uno dei mezzi più pratici; non ne avete una? tranquilli, c’è “Prevozi”, blabla car sloveno, funziona allo stesso modo del classico blablacar. Solitamente io parto da Nova Gorica: posso dirvi che difficilmente troverete un passaggio diretto fino a Maribor, ma con uno scalo a Lj  in 3 ore sarete a destinazione,  se riuscite a organizzarvi bene con gli orari; Flixbus ha delle buone soluzioni per questo viaggio; ultima possibilità, il treno che parte da Nova Gorica, controllate però che non ci siano ancora lavori in corso altrimenti rischiate di spararvi un viaggio epico come è capitato a me una delle prime volte che me ne sono servita.

E ora un giudizio personale, a te cosa piace di più di questa esperienza?

Doverosa premessa: da ex batterista, adoro la musica e l’arte in tutte le sue forme; non mi sembra neanche di lavorare a questo Festival; con questo, non nego che ci sono state, ci sono e ci saranno delle giornate intense e frenetiche, ma alla fine quando mi guardo uno spettacolo, vedo bambini che colorano le piazze con i gessi colorati e ragazzi che cantano a memoria i brani …trovo che ci sia semplicemente qualcosa di magico in tutto questo.
Nello specifico, per il lavoro d’ufficio, ho molto apprezzato l’autonomia gestionale che mi è stata concessa.

Orbene ragazzi, perchè aspettare oltre? Festival Lent va avanti fino al 29 giugno, chi viene con me a trovare Eugenia?

Foto presa da http://tiny.cc/fh2p8y

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here