C’è un paesino in Carnia, dove tutti gli abitanti fanno Spangaro di cognome.
E’ Voltois (frazione di Ampezzo …no, non Cortina d’Ampezzo, proprio Ampezzo Ampezzo) il paese da cui proviene la mia famiglia e io posso dire di essere Spangaro da parte di madre e da parte di padre e Spangaro pure da parte di 3 nonni su 4.

Io mi sento più di Udine che di Voltois ed è vero che non vado su molto spesso, però le stradine di montagna, gli stavoli abbandonati, le case da cui esce il profumo di polenta, i balconi fioriti, gli orsi di passaggio, le volpi, le lucciole, i ricordi di quando ero bambina, la nonna, la famiglia… insomma, oggi vi parlo di Voltois perchè secondo me è un bel paese e se ci passerete, mi direte se sbaglio.

Una gita fuori porta, poco meno di un’ora da Udine e siete su

Durante l’anno ora ci vivono effettivamente 36 persone (o giu di li, non ricordo la cifra esatta, forse 33), la strada è piena di curve, il paese è in salita e i tetti sono spioventi.
D’estate la piazza si popola di bambini che giocano a calcio, arriva la “gente foresta”, c’è la sagra con i suoi chioschi e la musica che dura fino all’alba (altro che movida udinese!), la gente si siede al CRAL a bere un bicchiere di vino, due bicchieri di vino, tre bicchieri di vino e parte la cantosa.
La cantosa può partire anche dalle donne del paese, le più agguerrite, e c’è da dire che quando intonano i canti popolari famosi per i loro doppi sensi (“mi scusi giovinotto se il mio camin l’è stretto, povero giovinetto come farà a salir”) io le vedo già vittoriose sul palco di X Factor.
Carnia, insomma..

Sport

A Voltois ormai da 28 anni si tiene ogni maggio la Gara delle Sorgenti, marcia non competitiva che parte da lì per passare al Bivio Feltrone, Nolia e ritorno al punto d’inizio gara, per una lunghezza di 10,9 km.
Dato lo splendido percorso, è ogni anno una grande festa ed un’occasione di ritrovo per gli amanti della montagna.

A luglio poi, per chi ama davvero sudare e pedalare, c’è la CronoVoltois. La gara anche in questo caso non è agonistica ma solo un modo per ammirare le bellezze della Carnia.
Che io già fare a piedi quella strada ho il fiatone, uno deve avere proprio passione: 5 km di salita per un dislivello di 638 metri. In bici. Oh, bravi.

La sagra di san Rocco

A Voltois siamo famosi (o forse per onor di cronaca, dovrei dire SONO famosi), è venuta anche la TV austriaca a girare un servizio speciale su questa minuscola frazione, un documentario che illustra le peculiarità dei borghi e l’originalità delle case, senza dimenticare la bellezza dei monti che fanno da cornice.

Insomma ragazzi, vi basta?
Vi lascio qualche foto, così vi fate un’idea… e ci vediamo tutti in sagra alla Sagra di San Rocco ad Agosto. Scegliete voi se venire il 15 o il 16, io vi consiglio il 16 che c’è la tombola e si vince prosciutto e formaggio. Oh, non si vive mica solo d’aria!

Per chi non fosse pratico di canti popolari, qui seguito Lo Spazzacamino.
Fate attenzione al testo.
Io vorrei tanto postarvi la versione “anzianedivoltois”, ma mi devo accontentare di youtube.
Allenate l’ugola, la cantosa miete vittime ogni anno.

www.voltois.it

 

Stavolo a Voltois, località Marculins
voltois paese
Voltois paese
Voltois case

 

 

Voltois passeggiata
Panorama da Voltois

 

Condividi
Articolo precedenteVeggie come vegetariano: anche da noi.
Articolo sucessivoIl silenzio del colore nero
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 250 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Enzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here