Mi diverte.
Mi diverte il modo che hanno alcune persone di presentarsi nella realtà fisica e in quella virtuale, alias facebook o altri social. Io queste persone le ho conosciute, ci ho parlato, dal vivo, per così dire. E sono molto diverse.
Non mi riferisco solo alle foto ritoccate in diversa misura, ma a quello che scrivono, e soprattutto come si esprimono.

La nostra concezione di come siamo è talmente diversa dal modo in cui veniamo percepiti all’esterno. So che in fondo queste sono banalità, che lo facciamo un po’ tutti, dipingerci secondo quello che crediamo di essere, secondo quello che pensiamo di trasmettere agli altri. Eppure spesso non ci vediamo poi così bene.

Sarebbe meraviglioso avere uno specchio davvero realistico della nostra anima, del nostro essere. Non dico con questo di doverci mettere a nudo, ma di riequilibrare un po’ le sorti del nostro apparire, rendendole più reali.
Conosco persone dolci e simpatiche, che sui loro profili millantano una finta cattiveria, una sorta di cinismo che sicuramente gli appartiene, ma non le definisce in toto. E altrettanto altre che si spacciano per creature scese sulla terra a deliziare la nostra vita, quando invece tu vorresti solo non doverci avere a che fare (e considerato quello che penso in realtà, sono stata fin troppo elegante!).

È ironico che questi pensieri siano comunque parto di una mente, una visione personale che noi stessi abbiamo degli altri.
Quante personalità riusciamo a creare? Quanti aspetti di noi possiamo distaccare, elaborando profili che non ci appartengono, che rispecchiano solo una minima percentuale di quello che siamo?
È una questione social, ma non solo media.

Io non credo che le nostre difficoltà di comunicazione nascano da questi. Abbiamo solo trovato un altro, l’ennesimo, modo di allontanarci, alienarci dagli altri, un modo per stare vicini, si, ma a distanza. Possiamo vedere e (pensare di) sapere cosa fanno e pensano gli altri senza schiodare il culo dalla sedia.
Siamo forse arrivati al punto di vivere una vita sulla base di come gli altri vivono la propria? Ma se tutti ci comportiamo così, che vita stiamo vivendo in realtà?
Mille amici su fb che quando si incontrano per strada nemmeno si salutano. Forse non si riconoscono.

Forse siamo talmente diversi nelle nostre svariate realtà che sappiamo chi siamo solo in base alla situazione in cui ci troviamo. E in questo caso nemmeno lo specchio può aiutare.

Articolo precedenteSingle ma bravo in cucina
Articolo sucessivoHide – Furtherset + Ankubu a Cas*Aupa
Greta
Sognatrice, istintiva, testarda, aggressiva, sensibile, empatica. Una semplice contraddizione, bastian contrario. Estrema in ogni emozione, visione, situazione. Curiosa, divoratrice di libri, amante delle liste e delle parole e del silenzio. Cantante, scrittora, scarabocchiatrice. Friulana orgogliosa della sua terra e tradizioni. Una vena vagabonda nell’animo, che la spinge a interessarsi a tutto ciò che ancora non ha visto ma vorrebbe tanto. Il suo viaggio ideale è più o meno ovunque, con una leggera predilezione per i paesi freddi e un on-the- road a bordo di un vecchio maggiolone cabrio… Un giorno forse riuscirà a viaggiare leggera, evitando di chiocciolare stipando in valigia mezza casa perché “non si sa mai”

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here