Meet the artist: Mariangela D’Este

Sono una designer creativa e mi occupo sia di comunicazione grafica che di design.
Dalla fine del 2018 ho progettato e realizzato il ciondolo Joy Vertigo. Proprio da questa creazione ho iniziato a realizzare gioielli contemporanei in molteplici materiali e con diverse tecniche e tecnologie, compresa la stampa 3d.

Il mio obiettivo è realizzare delle creazioni pensate per il benessere delle persone e dell’ambiente. Pensate per il benessere perché rispondono a delle vere esigenze come ad esempio: praticare l’aromaterapia in modo alternativo per i vari momenti di necessità, abbassare lo stress oppure dare nuova vita agli sfridi di lavorazione creando un oggetto completamente nuovo, risolvendo il problema dello scarto.

Il percorso artistico

Mi sono diplomata all’istituto d’arte di Udine specializzandomi in architettura e arredo. Successivamente ho frequentato l’ISIA di Faenza (Istituto Superiore Industrie Artistiche) istituto di design situato in provincia di Ravenna. Avevo scelto di frequentare quell’Università perché era un connubio tra design, comunicazione e ceramica.

Alla fine dei cinque anni mi sono laureata in design del prodotto.
Indubbiamente questo è stato il percorso formativo che mi ha dato modo di approfondire la metodologia progettuale, la comunicazione visiva e grafica e infine concretizzare le teorie in pratica, realizzandone un vero e proprio prodotto.

Come nasce D’Este Design

Il mio percorso si direbbe più improntato al digitale, in realtà ho sempre sperimentato manualmente quello che progettavo. La decisione di lanciarmi nel mondo artigianale è stata più una successione di eventi che mi hanno traghettata verso questa scelta.

Inizialmente le mie idee erano orientate verso prodotti di comunicazione digitale, poi con la perdita del lavoro e la voglia di scegliere che cosa e come fare, passo dopo passo ho deciso di dedicarmi alla progettazione e alla creazione dei progetti che erano stati accantonati per tanto tempo.

Frequentando corsi e studiando, ho implementato le conoscenze che mi mancavano sia in ambito marketing, sia nella creazione di manufatti in ceramica.
Non c’è gioia maggiore di dar vita a un progetto con le proprie mani!

I gioielli contemporanei di Mariangela D’Este

Il mio prodotto di punta è Joy Vertigo il ciondolo ceramico che ho progettato nel 2018 e registrato a livello europeo. Joy Vertigo permette di praticare aromaterapia o portare con te il proprio profumo preferito. Joy nasce da molte ricerche e test che mi hanno portata a realizzare un ciondolo unico per rendere le donne uniche.

Mi sto concentrando sulla produzione di creazioni in diversi materiali e tecnologie, dalla stampa 3d alle tecniche più tradizionali; per creare gioielli etici che si rivolgono alle donne e pensano sia alla loro bellezza che al benessere psico-fisico.

I vantaggi di un buon design

Mi piace prendere spunto dagli artisti del passato come ad esempio: Mondrian, Man Ray, Munari oppure ai designer attuali come Marcel WandersMaarten Baas.
Inoltre mi piace seguire i lavori di Lunante, Alberto Bustos, Lorenzo Pepe …e tanti altri ancora.

I vantaggi di buon design sono molti ma gli aspetti più salienti per me sono:
Utilità: la vera difficoltà infatti è concepire un oggetto che risolva i problemi delle persone
Funzionalità: essere un prodotto non solo funzionale ma anche bello
Durevolezza: è progettato per durare nel tempo
Ecosostenibilità: è attento all’ambiente
Il buon design deve essere in fin dei conti un’esperienza!

Vivere il momento come opportunità

Questo periodo è un momento difficile per tutti, ma penso che ci dia modo di riflettere sui veri aspetti della vita e di riabbracciare quei valori che forse si stavano un po’ perdendo.
L’era digitale tuttavia ci consente di rimanere uniti anche se lontani, lo stare a casa ci permette di inventare cose nuove, di trovare soluzioni e perché no …vivere diversamente le relazioni.

Personalmente vivo questi giorni come una grande opportunità per portare avanti i miei progetti e concluderne degli altri. Come ad esempio il mio catalogo prodotti!
Ho visto piccole realtà reinventarsi, stando vicine ai propri clienti e dandogli la possibilità di godere dei propri prodotti non potendo uscire di casa.

Oppure donare il ricavato delle vendite di un determinato tipo di bene, in favore di associazioni o ospedali. La vera forza siamo noi stessi, capaci di fare tutti gli sforzi possibili per rialzarci da questa difficile situazione.

Richieste particolari

Tempo a dietro mi è stata fatta una richiesta piuttosto particolare, riguardo alla realizzazione di etichette per vino e liquori. Mi era stato chiesto se avessi potuto realizzare delle etichette con dei personaggi storici dal passato discutibile, ma di sicuro interesse per un target di nicchia. Sicuramente sarebbe stato un progetto di facile discussione!

Per quanto riguarda il gioiello realizzato con stampa 3d invece la richiesta più bizzarra era stata chiedermi se i gioielli potevano essere mangiati dato che il materiale deriva dal mais.

Contatti

Sito web: www.mariangeladeste.com
Telefono: 346 2383898
Linkedin: Mariangela D’Este
Facebook www.facebook.com/mariangeladestedesign/
Instagram www.instagram.com/deste_design/
Shop online: www.destedesign.etsy.com

Psssttt! Domani ci sarò anche io su Telefriuli ospite del programma Antivirus dalle 10:30 alle 11:30 con la mia presentazione e un piccolo tutorial, collegatevi al canale Canale 11 oppure www.telefriuli.it per la diretta streaming!

 

Articolo precedenteBuddy Market 16 maggio, le novità
Articolo sucessivoCartoline per il rilancio del turismo
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 240 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Renzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Inserisci il tuo commento
Perfavore inserisci il tuo nome qui