Dopo aver perso ben due persone nel giro di quattro mesi, ho deciso che la vita è troppo breve per non vedere il mondo, non fare le cose che mi piacciono, sfidare me stessa provando a fare qualcosa che mi fa paura come lanciarmi col paracadute, visto che soffro di vertigini. 

In realtà a prescindere da vertigini o meno.

Alla fine saremo più delusi dalle cose che non avremo fatto, vero? 

Ebbene io voglio rimpiangere ben poco. Voglio poter arrivare a dire che sono più le cose che ho fatto di quelle che non ho potuto/voluto fare.

La sensazione che mi accompagna più spesso è quella di inadeguatezza, quella di una persona che vuole essere costantemente in un altro luogo, perché quello in cui si trova non è quello giusto, oltre alla sensazione che nel mondo accadano veramente un sacco di cose ed io me le stia perdendo tutte. 

Abituata nel mio piccolo, con le mie abitudini, i miei modi, le persone che frequento abitualmente, là fuori c’è un mondo che accade ed io non me lo sto vivendo ed è frustrante!

Da sempre ho questo spirito fantastico-favolistico, un’eterna peter pan che sogna di poter realizzare le cose più strane ed è per questo che mi sono data in qualche modo degli obbiettivi. Ho stilato una lista, modificabile sempre e comunque, appena mi sovviene un pensiero, di cose che voglio fare, posti che voglio visitare, attività da svolgere e provare, almeno una volta nella vita se riesco e ho deciso che terrò una “jar”, un vaso, dove scriverò quello che riuscirò a fare in riferimento ai punti di questa lista,ma non solo: scriverò i pensieri felici di ogni giorno, per ogni giornodell’anno.

Ma non saranno biglie, come in Peter Pan, saranno fogli di carta con scritte sopra le cose belle che mi sono successe e le cose che, per l’appunto, sono riuscita a fare, anche della lista di cui sopra, cosicché, una volta finito l’anno possa vedere tutti i lati positivi degli ultimi trecentosessantacinque giorni passati e concentrarmi su quelli piuttosto che sulle cose negative. 

Il titolo che do a tutto questo è: “Happiness in a Jar”

Per uno dei punti della mia lista, che comprendeva il visitare il museo delle illusioni di Lubiana, se ne sono aggiunti altri due, però intanto un obbiettivo l’ho spuntato!

Voi quali obbiettivi avete? Quali sono le cose che vorreste fare almeno una volta nella vita? Vi lancio la prima sfida: vorrei che da qui a Natale riusciste a realizzare una cosa che non avete ancora mai fatto, ma avreste sempre voluto fare e, se avrete piacere, potrete condividerla con me/noi della community di Blud.

Miracco: solo robe belle! 

Ciao peeps! 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here