A qualche chilometro da Udine esiste un festival che ogni anno ci fa saltare, ballare, urlare, cantare, stonare e tutte quelle cose che potete immaginare si possano fare durante un evento di questo tipo. Di cosa stiamo parlando? Dell’Home Festival!

Dove e quando

Zona Dogana, Treviso, 1,2,3,4 Settembre 2016

Perchè

La Line-up

C’è musica per tutti i gusti, da I Cani, al Teatro degli Orrori, dai Prodigy ai Rumatera, da Alboroise a Pendulum, da Benji e Fede ai 2Cellos. E questo solo per darvi qualche nome, il programma completo lo trovate qui.
Come potete capire non c’è da annoiarsi e se la musica non vi basta, durante l’Home Festival potrete seguire altri due progetti: House of Arts e Sun68 – HUB.

Mostre, seminari e selfie

House of Arts celebra il connubio tra musica, performance, narrativa ed illustrazione: al quarto anno consecutivo all’Home, troveremo il maestro dell’arte povera Michelangelo Pistoletto, artista di fama mondiale, noto per le sue installazioni.
Il maestro presenta il Terzo Paradiso, un interessante progetto che mette l’arte in relazione attiva con i diversi ambiti del tessuto sociale al fine di ispirare e produrre una trasformazione responsabile della società. Sarà realizzata una performance ad hoc, dove  tutti  i partecipanti al festival saranno invitati a fotografarsi, a scattarsi un selfie con il Simbolo del Terzo Paradiso, a condividere i loro scatti e firmare l’opera lasciando una testimonianza della propria presenza.

Home Festival vuole inoltre omaggiare David Bowie con mostre a tema ed incontri con appassionati e ospiti speciali. Da segnalare l’anteprima assoluta diDavid Bowie – Switch on the TV per la nuova serie MUSIC REMAKE – Rockumentari illustrati in VHS, realizzata dal marchio autoprodotto This Is Not A Love Song e illustrata dall’artista Nova. E’ un progetto in cui l’illustrazione e il fumetto flirtano con i videoclip musicali, dando vita a videocassette di carta come fossero veri e propri rockumentari grafici, in un’esplosione colorata di fotogrammi, copertine e locandine.

Interessanti anche i seminari ed i workshop proposti, tutti ad ingresso libero, che si terranno in Borgo Mazzini 27 a Treviso, in concomitanza con il Festival.

Come

Che voi arriviate a piedi, in bici, con la vostra auto o facendo l’autostop, potrete riposare le stanche membra dopo tanto ballare nel campeggio, che prevede tende fornite dall’organizzazione dotate di materassino, e ristorante con specialità territoriali e vegan, il tutto pensato per poter farvi sfruttare al massimo “l’esperienza Home Festival”.
I Pacchetto Full Festival costa 140 euro con la sistemazione in tenda doppia (20 euro supplemento per la singola) e vi consente l’accesso per tutta la durata del Festival + Pass per ingresso riservato “salta coda”.
Se invece arrivate con la vostra tenda potete usufruire del Daily, 15 euro a persona.
Non è consentito l’accesso ai camper.
Non vi interessa fermarvi a dormire? Nema problema, il ticket giornaliero è di 22 euro con accesso ai palchi dalle ore 16, mentre l’intero Festival vi costa 70 euro.
Potete comprare on line i biglietti anche su mailticket e ticketone.

Volontari

Lo sapete, io vi propongo sempre di volontariare! =D
Sul sito dell’Home nella sezione Volontari, bella in alto la scritta “Il filo conduttore è uno: Amore per la Musica”. E’ un occasione per vivere il Festival da dentro, conoscere persone nuove e dirvertirvi, scegliete in quale settore volete lavorare e buon Home!

Per maggiori info: http://www.homefestival.eu/

HF16HF12HF3HF4

 

Condividi
Articolo precedente“Skin Portraits – ritratti a contatto” è solo questione di pelle
Articolo sucessivoDa Casarsa a Casarsa, Toffolo disegna Pasolini
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 240 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Renzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here