Anche Giada partecipa a #udinewakeup #udinerestaacasa

La pasta, come anche gli gnocchi, sono parte integrante della nostra tradizione italiana. Pomodoro, arrabbiata, ragù, pesto.. sono solo alcuni tra i sughi più amati, rivisitati e copiati che ci siano.

Io personalmente amo la tradizione, il ricordo e la conservazione. Dall’altro lato però penso che la sperimentazione, gli accostamenti strani e la sperimentazione siano essenziali. Mi piace vivere una vita all’insegna dell’esperienza per arricchire il mio palato e la mia testa.

Sulla linea di questi ragionamenti vi presento qualche sughetto particolare per condire i vostri primi piatti.

Sugo ai calamaretti e limone, fresco e frizzante

Ingredienti

  • calamaretti
  • prezzemolo
  • 1 limone (succo + scorza grattugiata)
  • olio
  • sale
  • pepe
  • 1 spicchio di aglio

Procedimento

Tagliate i calamari a rondelle. Mettetele in una padella con olio, aglio, sale e pepe. Fateli saltare e aggiungete il succo e la buccia del limone. Fate cuocere a fuoco lento per qualche minuto. Finite il tutto con abbondante prezzemolo.

Sugo ai 3 formaggi e composta di fichi e Barolo, caldo e avvolgente.

Ingredienti

  • 2 mozzarelle
  • 1 ricotta
  • 1/4 caciotta
  • due cucchiai di composta di fichi e Barolo

Procedimento

Tagliare la mozzarella e la caciotta a cubetti, metterle in una casseruola. Aggiungere la ricotta e la composta. Cuocere il tutto a fuoco lento. Se serve aggiungete un goccino d’acqua. Concludere con una spolverata di pepe, se piace.

Quale variante preferite? La 1 o la 2? Ditemelo nei commenti.
Se volete scoprire altre curiose ricette e non solo, vi aspetto sulla mia pagine Jedy art&cooking

“La cucina è un piacere che diventa totale se condiviso“
Alla prossima!

Leggi e partecipa anche tu a #udinerestacasa e #udinewakeup: fateci scoprire la vostra Udine!
Artisti, aspiranti artisti o semplicemente creativi di tutte le età, è giunta l’ora! Armatevi di un pc o di un cellulare e fateci vedere come passate il tempo a casa, inviateci testi, brevi video o foto a info@blud.life, usate gli hashtag #udinewakeup e #udinerestaacasa anche su Facebook e Instagram, attendiamo i vostri consigli: mostrateci come Udine vive questo momento!

Lascia una risposta

Inserisci il tuo commento
Perfavore inserisci il tuo nome qui