Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

8° giorno – 23 km – navigazione

A Kirkjubøur visito per prima cosa le rovine dell’antica abbazia per poi entrare nella più antica casa in legno ancora abitata. C’è una grande stanza che funge da sala da pranzo, soggiorno, cucina e camera da letto: un antico monolocale. Mi trovo in un nido accogliente che mi avvolge, il susseguirsi delle generazioni è qualcosa di palpabile, si sente che è casa e rifugio da tanto tempo. Torno verso Torshavn per imbarcarmi nuovamente. Vado subito a dormire, domani sarò in Islanda e ci sarò arrivato via terra e mare, senza le scorciatoie temporali spesso indispensabili del mondo moderno. Chissà com’era viaggiare con una imbarcazione vichinga piccola come un puntino nell’oceano. Sono emozionato.

 

07-01 07-02 07-03 07-04 07-05 07-06

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
Condividi
Articolo precedenteTrattoria “Da Gianni” a Gorizia
Articolo sucessivoDammi una vecchia t-shirt e ti farò una borsa
Fulvio
Viaggiatore meticolosamente disorganizzato, amante dell'imprevisto e della casualità. Si sposta con mezzi di trasporto eccentrici ed originali. Fotografo immersivo. A volte dipinge umanità a tecnica mista su albero. Teatrante alle prime armi, sempre in precario equilibrio tra gli opposti. Complicatore di cose semplici come questa descrizione. Amante della pizza, del cioccolato al riso soffiato e dello spritz hugo.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here