A quanto pare l’estate è finalmente arrivata e con essa la nostra voglia di cucinare, se mai ce ne fosse stata, evapora lentamente sotto il caldo sole tanto agognato.
Il menù si restringe a ciò che c’é di meno laborioso e che comporti meno dispersione di calore possibile nella preparazione: pasta al tonno, caprese, prosciutto e melone. Ci si sveglia tardi e si va al mare, accontentandosi degli insipidi tramezzini e delle insalate di plastica da supermercato, e la sera fa troppo caldo e siamo troppo in ritardo agli aperitivi con gli amici per preparare qualcosa, finendo così a cibarci della misera ciotola di patatine che si riesce a spillare ai locali.

Ecco dunque una piccola raccolta di ricette, veloci, fresche e sfiziose, per tutti quelli che hanno forze solo per andare in giro ma mai per cucinare!

AVOCADO

Partiamo con lui, il magico frutto verde che troppi ritengono non sappia di niente.
Dovete sapere innanzitutto che l’avocado fa bene a tutto ed è molto nutriente: è iper proteico ed ha la capacità di “mangiare” il colesterolo cattivo, fa bene alla pelle ed anche ai capelli se applicatovisi con impacchi, un super frutto insomma. Per mangiarlo si aspetta che il frutto diventi morbido e va per forza condito, perché se lasciato au naturel è insipido, ma vi assicuro con un po’ di sale, pepe ed olio diventa buonissimo!

Tartine di avocado e salmone/gamberetti

Prendete un avocado e tagliatelo a metà, una la tagliate ulteriormente a fettine o cubetti (a scelta) l’altra la spappolate con la forchetta insieme ad olio sale e pepe. Prendete le tartine (pronte o fatte tostando del pane se vi sentite in grado) spalmateci sopra la salsetta appena creata e stendeteci le fette di salmone e di avocado, con sopra una spruzzatina di limone e pepe. La stessa ricetta si può fare con i gamberetti al posto del salmone ( in questo caso vi consiglio di tagliare a cubetti l’avocado)

Tramezzino di avocado

Uovo e rucola: preparate un uovo in padella, sbattuto o all’occhio di bue a scelta, tagliate l’avocado a fette (metà sarà più che sufficiente), e mettete il tutto nel pane per tramezzino insieme ad un po’ di rucola, condendo leggermente con sale, pepe ed olio.

Riso freddo avocado e tonno

Preparate il riso e conditelo con tonno e cubetti di avocado, accompagnandolo con la stessa salsa della prima ricetta. Nulla di più semplice eppure molto più sfizioso del solo immancabile tonno, al posto del quale si può anche variare con sgombro o gamberetti. Consigliato l’uso di prezzemolo e basilico nel condimento.

PESCA

La pesca, il frutto dell’estate per eccellenza! Che siano nettarine, bianche, gialle o piatte vannotutte bene: scegliete le vostre preferite per questa fresca insalata e se ve ne avanzano un bicchiere di vino con le pesche non ve lo sconsiglio di certo.

Insalata di pesche e burrata

Proprio così, avete letto bene. Tagliate le pesche a fette e servitele con una burrata ed un po’ di rucola, condendo con sale, pepe ed olio e qualche foglia di basilico. Il successo è assicurato!

MELONE

Come scordarsi di lui, la patria del prosciutto di San Daniele non ne può certo fare a meno. Ed ecco un’altra cosa a cui non potrete più rinunciare.

Melone e feta

Tagliate il melone e la feta a cubetti, riempiteci una terrina e condite con sale, pepe ed olio. Unica avvertenza: causa dipendenza.

FICO

Per queste dovremo aspettare agosto/settembre, ma ne sarà valsa la pena.

Fichi e prosciutto

Provate a scambiare il melone con i fichi ed accompagnateli al nostro sanda; sarà una bella scoperta.

Insalata di fichi, formaggio e noci

I formaggi consigliati sono caprino e pecorino, tagliati a cubetti insieme a fichi, noci e rucola oppure insalatina. Condimento a piacere e tanta allegria. Per ora è tutto, andate e provate, perché la pigrizia è da sempre la più alta fonte d’ingegno!

07bb5078804268f5ed52567232a3b98e

Condividi
Articolo precedenteSummer 16 // Dj Straw
Articolo sucessivoA volte sarà il verbo -2
Francesca Macor
Artista di Udine operante in varie tipologie di produzione artistica, da quella fotografica, in particolare analogica e sperimentale, all'illustrazione e design. Da questo è nato il progetto No Man's Land: creazioni di varia natura nate dalla sintetizzazione della realtà nel segno grafico e dall'accostamento di elementi diversi tra loro, che hanno come obbiettivo trasportare l'osservatore in un luogo che non gli appartiene, estraniandolo completamente da ciò che conosce.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here