Ore 17.58 – accendo il mac.

Ore 18.00 – è online il primo episodio di Belli di MAMM!!!

Tu tu turu tu ru tuu belli di MAAAAMMM…ho già il jingle in loop nella testa.

5 minuti e 43 secondi di conversazioni in italo-friulano-pugliese che ci permettono di iniziare a conoscere i personaggi di questa serie e respirare da lontano i profumi della focaccia che intravediamo da dietro il vetro del bancone.

Ma sono quasi le 19.00 e devo correre da Lino’s per la presentazione della Sit-com.

Per quei pochi che ancora non lo sanno Lino’s è uno spazio multifunzionale e co-working aperto un’anno e mezzo fa in centro a Udine in Via Artico di Prampero 7 dove all’interno si trova l’agenzia di comunicazione Brodo Studio composta da due esseri geniali quali Irene Beltrame e Cristiano Perricone autori e registi di Belli di Mamm.

Ci accomodiamo ed eccoli i veri protagonisti della serata e della sit-com: Cristian Rizzi interpretato da Federico Scridel, Luca “Lochet” Pegri interpretato da Cristian Barel e Roberto “U’Boss” nelle vesti di sè stesso.

Ci raccontano un po’ i loro personaggi…

Cristian arriva da Pordenone, è un ex manager di successo delle più importanti aziende friulane del settore delle costruzioni, ha tre lauree ma raggiunto l’apice della carriera entra in crisi esistenziale e a causa di un forte stress deve rinunciare al suo lavoro e di conseguenza anche il suo matrimonio finisce.

Perde il controllo, impazzisce. Si rivolge ad uno psichiatra che gli consiglia di trovare un lavoro in cui possa impegnarsi con passione seguendo giornalmente l’intero ciclo produttivo e se possibile avere anche dei riscontri sulla vendita e sulla soddisfazione del pubblico.

Cristian individua nel pizzaiolo il suo possibile lavoro ideale, ma da uomo di successo qual’è non si limita a cercare una pizzeria qualunque, vuole il meglio.

Guidato dalla “voce interiore” del suo antenato pugliese apprende i principi dell’impasto per la focaccia e così si propone a Roberto u’Boss di Mamm come “apprendista pugliese”. Con l’aiuto della voce-guida e dal fatto che il nome della sua città natale S.Foca (in provincia di Pordenone) è presente anche in Puglia tra i due si innesca un pericoloso fraintendimento e Roberto si convince che Cristian é un suo conterraneo.

Cristian ovviamente ne approfitta, e costretto dalla sua voce-guida, si rende complice di questa menzogna, tuttavia per un bene maggiore…

Ed è proprio lavorando dentro Mamm che incontra Luca “Lochet” Pegri, meccanico di biciclette e cliente abituale del locale.

A Luca piace tanto chiacchierare. Tantissimo. Non è una mente brillante, è qualunquista e tuttologo per vocazione.

Spontaneo e sincero nel manifestare le proprie idee, quello che dice spesso purtroppo lo pensa realmente. Tende a ingigantire le cose, se qualcuno espone un fatto lui deve spararla più grossa. E’ egocentrico e gli piace mettere in mostra i suoi cappellini da ciclista.

Spesso è vittima di furti di bicicletta, da questo il soprannome lochet. Ormai segnato dai tanti episodi ha sviluppato una grande ansia e si preoccupa di incatenare la sua bicicletta o nei casi più estremi arriva a smontare delle parti come: sellino, manubrio o pedali e li porta con sé come precauzione. 

Costretto ad una dieta ferrea dalla rigida moglie che vuole che si rimetta in forma per fare un tour in bicicletta lui si rifugia spesso da MAMM perchè a casa non può mangiare.

E poi troviamo Roberto, U’Boss il proprietario dell’attività sia nella vita vera che nella sit-com. E’ una persona gioviale ma autoritaria, è un talento naturale in cucina, riesce a trasformare le cose più semplici in dei capolavori gastronomici. La sua focaccia è insuperabile e la sua devozione nel lavoro è rispettata e temuta da tutti.

Sei giorni di riprese con il locale aperto al pubblico. Un cast affiatato. 3 personaggi bravissimi ai quali sono certa che ci affezioneremo nel corso delle puntate.

Roberto ci spiega che questo vuole essere un modo alternativo per far conoscere e promuovere la focacceria Mamm. In ogni puntata verrà trattato un tema che è inerente a quella che è l’idea e la filosofia della ciclofocacceria: dai prodotti locali a quelli di stagione, biologici, km 0, dall’acqua gratis alla raccolta differenziata e ai materiali biodegradabili fino alla cura del design, del vivere bene.

Una maniera inusale di raccontarsi e di far scoprire com’è la vita dietro e davanti il bancone di Mamm.

Dal pubblico si alza una mano: farete anche una seconda stagione?

U’Boss sorride.

Chissà.

Per ora godiamoci queste prime 10 puntate.

E per finire la serata focacce e birre per tutti con sottofondo musicale a cura del cantautore pugliese con sede in Inghilterra Francesco Recchia in arte Paul Nose autore dell’intera colonna sonora della sit-com.

Io ormai canto il jingle con lui e voi ricordatevi appuntamento fisso sui canali social di Mamm per i lunedì alle 18.00 dei prossimi 3 mesi con la sit-com Belli di Mamm e ovviamente ci vediamo per un’ottima focaccia o un dolcetto da Mamm!

Mamm

sito: mammciclofocacceria.com

fb: https://www.facebook.com/MammCiclofocacceria

Brodo Studio

sito: http://brodostudio.com

fb: https://www.facebook.com/brodostudio

Photos by Sab

fb: https://www.facebook.com/bacidallaprovincia92 

 

Condividi
Articolo precedenteLa rivoluzione verde che in Friuli pochi conoscono
Articolo sucessivo10 validi motivi per vivere dove vivo
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here