“Ogni individuo ha la capacità e la responsabilità di cambiare in mondo in meglio” questo il semplice messaggio che sta alla base del “Mandela Day” che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha voluto istituire a livello internazionale il 18 luglio compleanno di Madiba, il nome tradizionale di Nelson Mandela all’interno del clan di appartenenza dell’etnia Xhosa.

18 luglio 2016 Mandela Day

Questa giornata non una semplice celebrazione della figura carismatica di Mandela, ma movimento globale per onorare il lavoro della sua vita e agire concretamente per cambiare il mondo. Per queste ragioni l’invito, a ciascuno di noi, è quello di dedicare almeno 67 minuti del proprio tempo alle persone più svantaggiate. 67 minuti che rappresentano i 67 anni che “Madiba” ha speso in difesa della libertà e l’uguaglianza. Un invito non retorico ad impegnarsi, ognuno come può, per cambiare il mondo in meglio.

Time For Africa e la Biblioteca dell’Africa in via Cesare Battisti 7/a organizzano per il giorno 18 luglio con inizio alle 19,00 la proiezione del video di Massimo Ghirelli “Mandela Dance”, mai presentato a Udine e la letture di poesie militanti sudafricane.

Per ulteriori info
Umberto Marin
348 9130020
Info@timeforafrica.it

Nelson-Mandela-International-Day

Condividi
Articolo precedenteAlieno, troppo alieno
Articolo sucessivoIl sorriso di Giulia, un sorriso di vita e speranza
Mike
Michele, conosciuto per lo più come Mike o MistaMike. Classe ’85, di Udine da sempre. Un po’ schivo e timidone ma cerca sempre il modo di non esserlo. Quando ne ha voglia. Caotico di natura, sempre in disordine. E la cosa non gli dispiace. Amante di un sacco di cose: dal writing, attivo una volta, ora un po’ meno, alla fotografia...è un tipo a cui piace immortalare attimi e non necessariamente persone. Gli piace cucinare, ma detesta i broccoli e i carciofi. Si diverte a cimentarsi in lavoretti grafici, video ed editing. Di musica ne ascolta parecchia, e parecchio varia: dai classici ’70, con la quale è cresciuto, fino ad arrivare alle produzioni estreme di Aphex Twin o Squarepusher, passando per la dnb, techno, elettronica varia, hip hop (old school), dub-techno (genere alla quale si sta affezzionando parecchio), dub, reggae, jazz e via dicendo... Sempre in sella alle sue fidate bici una fissa e una cazzutissima bici da montagna. Non per moda ma per scelta.  Il mare gli piace, ma preferisce i fiumi. Meglio se ci sono le montagne di mezzo. Pensa che scendere per i pendii delle montagne in sella ad una bici è una gran figata! Gli piace viaggiare e quando ne ha la possibilità non si tira indietro. I colori gli piacciono un sacco, il grigiume un po’ meno. Ogni muro grigio che vede se lo immagina già con qualche “pezzo” disegnato sopra, forse è per questo che ha una buona collezione di libri sul “writing”.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here