Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

21 marzo = Primavera + Dj Straw

Buongiorno Igor aka Dj Straw! Ormai è un paio di mesi che collabori con Blud ma non abbiamo ancora avuto modo di presentare te e la tua musica…sei un DJ a tempo pieno o è solo un hobby?

Ciao! Innanzitutto tengo a chiarire che non è mai stato un hobby ma piuttosto un’indispensabile esigenza, un medicinale salvavita, un modo di vivere l’esistenza.
Una cosa spirituale che dal 1996 non cessa di esistere un istante. Non potrei vivere senza la Musica, senza una console, l’unico posto dove mi sento davvero a casa e al 100% libero e me stesso. Per questo motivo posso dirti che non faccio il DJ. Io sono un DJ. Lo sono dal primo giorno.

Com’è nata questa tua passione?

Una Domenica pomeriggio, avevo 13 anni, mio zio acquisito decise di portarmi in discoteca. Fu un colpo di fulmine autentico. Ero focalizzato completamente su quella figura che da dietro delle macchine governava la Musica e la pista. Fu una rivelazione, una visione. Fu tutto il meglio che poteva succedermi.
A sedici anni con le prime due buste paga, mentre i miei coetanei compravano il motorino, io compravo la prima console. Sono cresciuto totalmente da autodidatta, apprendendo tecniche e conoscenze sia da solo che con persone con le quali mi sono incontrato e confrontato in periodi diversi, raccogliendo man mano le informazioni sul terreno. Sbagliando e ripartendo da capo per crescere.

Che generi ascolti e che generi suoni?

Amo essere “contaminato” dal buon suono, ascolto veramente qualsiasi genere mi arrivi dentro al petto. Soul, Disco, Funk, Hip Hop, House, Latin Jazz, Down Tempo, Jazz, Blues, Rock, Classica, Post Rock, Reggae con tutte le ramificazioni che ne derivano e si intrecciano, evolvendo.
La Musica è comunque una sola, quella buona che arriva dall’anima. Il resto è lo scarto. Serve anche quello, come serve il buio più oscuro per farti amare la luce.
Riguardo a quel che suono: ho scelto di piegare la schiena tutta la vita e lavorare da lavoratore dipendente perché posso accettare i mille compromessi della quotidianità ma non potrei mai accettare di mettere un solo disco che non mi piaccia personalmente, dettato solo da un compromesso economico commerciale. Il compenso per una prestazione è essenziale e doveroso ma non l’ho mai voluto barattare con pessima musica selezionata per dover pagare un affitto o una bolletta.
Il DJ è una persona che utilizza la propria cultura, il proprio bagaglio tecnico, il proprio “ascoltare” per trasmettere energia e deve saper leggere il momento per creare un flusso tra lui e la pista così da trasmettere quell’energia al meglio. Divertendosi e divertendo. Diverso è essere un Jukebox.

La tua canzone preferita?

Sono 21 anni che mi circondo di Musica strepitosa fatta da artisti incredibili. Sono affamato costantemente di novità, quindi scegliere una sola canzone come preferita risulta impossibile. In questo momento posso dirti: “Summer Madness“ dall’LP Light of Worlds dei Kool & The Gang. Ogni volta che la riascolto le sensazioni sono indescrivibili. Mi chiedo come abbiano fatto ad essere così ispirati. Una combinazione di suoni, corpi e tempo irripetibile.

Se dovessi fare una dedica romantica alla tua lei che pezzo le faresti ascoltare?

La canzone è “ Love X love “ dall’LP Give Me The Night di George Benson. Un disco a cui sono molto legato, del 1980, anno della mia nascita ed è l’unico LP prodotto da Quincy Jones per l’Artista.

La dedica romantica è già stata fatta alla mia Lei, che è la parte più preziosa della concatenazione di persone, eventi ed esperienze che la Musica mi ha fatto agganciare. Una dedica che si rinnova ogni giorno.

Il tuo artista/DJ preferito e perchè?

Se devo scegliere un Uomo che ha condensato la parola Artista e la sigla DJ in un’unica formula al meglio, sicuramente Little Louie Vega, una leggenda vivente.
Da fine anni 80’ ha dettato una propria impronta all’House Music, contaminandola. Masters At Work, Nuyorican Soul ed Elements Of Life sono solo alcune delle tante espressioni del suo genio, molte in coppia con Kenny Dope e molte altre con diversi prestigiosi musicisti. Una persona che non ha mai smarrito il sentiero, dando esempio a chi come me vuole attingere per conoscere ed imparare.

Ieri è uscita Spring 2017, che generi ci proponi per questa primavera?

Un’ora di Deep Soulful House che consiglio di ascoltare d’un fiato e a volume adeguatamente alto. Concepisco i miei DJ set come un viaggio con partenza, tragitto ed arrivo. David Lynch dice che un buon film si gusta senza interruzioni. Sono d’accordo!

Senti invece, tu con Max e altri ragazzi vi occupate del progetto Blud Radio, ci puoi spoilerare cosa state architettando?

E’ un progetto nato da poco. Concepito per condividere con il Mondo quel che piace ad ognuno di noi attraverso delle piattaforme che ci uniscono e che cambieranno con il cambiare e l’evolvere del gruppo. Per ora utilizziamo “Spotify” e “Spreaker” cercando: BludRadio. Siamo embrionali, in espansione e ricchi di idee ed entusiasmo. Un treno in corsa dove nei vagoni ci si diverte, si scambiano e costruiscono idee e dove tutti sono uguali nel rispetto delle diversità che ci uniscono. Direi che non serve altro per mio vedere. Per chi vuole salire e collaborare, ferma ad ogni stazione. Sarà davvero un bel viaggio!

Ringraziamo Igor e vi lasciamo con il suo mix…che dire…premete PLAY e alzate il volume! 🙂

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
Condividi
Articolo precedenteRiflesso nello specchio – Part 2
Articolo sucessivoInagibile // Bob Corn – documentario e concerto
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here