Il Friuli è pieno di talenti. Molti emigrano in altre città italiane o all’estero, alcuni rimangono.
Oggi è un giorno speciale per me perchè parliamo della mia migliore amica storica Jennifer. Jen ed io siamo cresciute assieme a Tricengeles aka Tricesimo, cittadina ridente in provincia di Udine tra basket, camminate e sogni.
Jennifer ora vive a Como e il suo di sogno l’ha realizzato.

Ciao J.Lo presentati ai lettori di Blud

Che dire…ciao a tutti, io sono Jennifer…

Raccontaci un po’ del tuo background…dove e cosa hai studiato, come sei entrata nel mondo del lavoro, dove lavori ora e di cosa ti occupi…

Ho fatto il liceo scientifico Marinelli a Udine e alla fine dei 5 anni, come sai, avevo le idee strachiare: volevo diventare veterinaria/psicologa/atleta/cantante. Ed è per questo che mi sono iscritta a Design dell’Arredo al Politecnico di Milano. No dai, in realtà ho sempre avuto la passione per la progettazione, anche se più che altro intesa come arredamento degli ambienti e disposizione degli oggetti nello spazio. Grazie a l’università ho ampliato le mie vedute ed è così che ho deciso di specializzarmi in Design del prodotto, per non limitarmi ad intervenire sugli oggetti d’arredo, bensì sull’oggetto in generale, come si dice: “dalla città al cucchiaio”. Subito dopo la laurea specialistica ho fatto qualche stage e ho lavorato per diversi anni per Marco Zanuso Jr, Odoardo Fioravanti e da fine 2015 da Juma, uno studio di design e comunicazione a Balerna in Svizzera. Dal 2014 ho aperto il mio studio attraverso il quale cerco di portare avanti qualche progetto personale.

Di cosa ti occupi da Juma?

Da Juma il mio ruolo è di designer del prodotto e allestimento, stylist per i set fotografici e anche un po’ grafica, molto poco. Mi piace molto confrontarmi con questi mondi vicini al mio ma allo stesso tempo così lontani, che prevedono una creatività completamente diversa da quella che mi appartiene.

La parte difficile è cercare di coniugare il lavoro da dipendente a quello del mio studio che piano pianto mando avanti quasi nei ritagli di tempo.

Di cosa ti occupi nel tuo studio?

Con il mio studio mio occupo di progettazione del prodotto. Ho avuto il piacere di collaborare con alcune piccole e medie aziende dell’arredo, per cui ho disegnato una lampada, un divano, un tavolino…e dei gioielli, come ad esempio Stilnest, un’azienda di Berlino per cui ho disegnato una collezione di anelli e Bijouets, azienda di Trento che si occupa di accessori in stampa 3D. Inoltre autoproduco una collezione di gioielli chiamati LessIS.

Come e quando è nata la tua passione per i gioielli?

È una passione che ho da sempre, soprattutto per orecchini e anelli…ne ho la casa piena! E verso la fine del mio percorso scolastico mi sono detta che forse sarei stata anche in grado anche di disegnarli…ed è stato l’inizio della fine. ☺

LessIS è il nome della tua collezione di gioielli…che tradotto significa “meno è”…come mai la scelta di questo nome?

Si rifà al concetto “less is more” di Mies van der Rohe per cui la ricerca della semplicità e del rigore andava a contrapporsi all’opulenza e la complessità che regnava nella progettazione archiettonica. Allo stesso modo ho cercato di portare questa filosofia nel mondo del gioiello, riducendo al minimo le forme e le funzioni. E così l’idea di realizzare delle collane che non avessero bisogno della catena, ma ridotte all’osso…solo al ciondolo.

Da cosa ti ispiri per le tue creazioni?

Spesso sono le situazioni e i comportamenti a ispirare un mio progetto, che sia di arredamento o un gioiello. Mi piace osservare come le persone utilizzano gli oggetti che li circondano, e cercare di ipotizzare nuove funzioni o nuovi modi per usarli.

Che materiali usi solitamente?

Mi piace sperimentare con i materiali e con le tecnologie. Per la realizzazione dei miei gioielli lavoro molto con la stampa 3D realizzando pezzi in bronzo o in nylon. Mi piacerebbe introdurre nuovi materiali nella collezione come tessuti o vetro. Mah, vedremo…

Qual’è stato il momento in cui ti sei sentita più fiera di te stessa?

mmm…difficile. Sicuramente non nell’ambito lavorativo… sono giusto un pelo esigente :/

La o le persone che hanno sempre creduto in te chi è o sono stata/e?

Beh, sicuramente mia madre…qualsiasi cosa mi metta in testa di fare per lei sarà un successo… che si tratti di una collanina di perline o di una laurea in medicina. E poi ci sono mia sorella e gli amici, sempre interessati ai miei nuovi progetti e pronti a promuoverli non appena ne hanno la possibilità!

Salutiamo Rosy! Magari primo o poi passiamo al Podere ad intervistare pure lei…ma tornando a noi…progetti per il futuro?

Cercare di dedicare più tempo al mio studio per concretizzare le mille idee che mi frullano per la testa.

Quali sono i siti dove vedere e comprare le tue collezioni?

www.mjcarew.com

www.mjcarew.bigcartel.com (LessIS online store)

facebook: LessIS


Condividi
Articolo precedenteUn articolo sull’amore
Articolo sucessivoReportage Check Check Hip Hop Jam
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here