Oggi sono davvero felice ed orgogliosa di poter sedermi sul divano di Blud con la mia grandissima amica Federica.

Io e Fede ci siamo conosciute nel 2012 a Toronto periodo in cui entrambe vivevamo in Canada. Credo che più o meno la sua passione per la fotografia iniziò a svilupparsi a quei tempi. Non l’aveva mai considerata prima e aveva fatto male perchè a distanza di cinque anni la sua passione è diventato un lavoro a tempo pieno e lei è bravissima!

S: Ciao Fede! Benvenuta! Presentati brevemente per quei pochi che non ti conoscono a Udine e dintorni…

F: Ciao Ste! Mi fa molto piacere ritrovarti e parlare di fotografia!
Allora, mi presento: Federica, 31 anni, fotografa.
Sono nata a Udine ma ora vivo e lavoro a Milano.

Come è nata la tua passione per la fotografia?

Hai detto bene poco fa, tutto è iniziato in Canada. Era il 2012. E pensa che ho sviluppato il mio primo rullino proprio quando dormivo sul divano di casa tua!
Avevo comprato la mia Nikon Fe analogica ad un mercatino subito dopo aver letto ‘Lezioni di fotografia’ di Ghirri, prestatomi da un’amica fotografa che ammiravo tanto.

…e come hai imparato quello che sai?

Ho cominciato a scattare e studiare su vecchi libri di fotografia comprati sempre ai mercatini in Canada. Quando uscivo con la macchina al collo, mi allenavo ad avvicinarmi alle cose e alle persone; spudoratamente! Chi mi conosce sa che sono molto riservata perciò per me quello fu lo scoglio più grosso da superare e l’allenamento più efficace. Sempre a Toronto frequentavo lo studio di un grandissimo fotografo e che al tempo mi portò a pranzo con Salgado e .. beh, dovevo dare un senso a tutto quello che mi stava capitando. Così poi sono tornata a Udine e ho iniziato a scattare ai piccoli concerti che organizzavo a Cas’Aupa. Da li, i reportage per aziende, e poi il reportage di matrimonio.
Adesso a Milano, collaboro con l’editoria e nel periodo estivo faccio matrimoni sul lago di Como principalmente.

Wow! Complimenti Fede! Ma senti, è stato difficile inserirsi nel mondo del lavoro come fotografa?

Uhm… beh, al giorno d’oggi è difficile inserirsi in molti settori. Si, le difficoltà ci sono state ma anche grandi conquiste e soddisfazioni.

So che ora hai in corso un nuovo progetto molto interessante, di cosa si tratta?

Roki è il nome del mio nuovo progetto fotografico.
Se sei una Roki vuol dire che hai la sindrome di Mayer Rokitansky Kuster Hauser (MRKH), una condizione congenita caratterizzata dall’assenza totale o parziale della vagina e dell’utero che può essere isolata oppure associata ad altri disordini a livello renale, vertebrale, cardiaco e della vista. La sua incidenza è di circa una donna su 5000, in Italia le Roki non sono più di un centinaio.
Si tratta di un progetto che ha come scopo il riconoscimento di questa malattia rara femminile nell’elenco nazionale delle malattie rare, affinchè queste donne ricevano tutto il supporto necessario da parte degli specialisti.
L’idea è nata dalla mia amicizia con una Roki.
Ho deciso di ritrarle descrivendo attraverso il loro corpo la delicatezza della loro femminilità.
Il 3 Maggio partirà la campagna crowdfunding che mi permetterà di sostenere le spese di viaggio per raggiungere tutte le Roki sparse per l’Italia.

Quante sono le “Roki” che hanno aderito al progetto?

Sono circa 37 donne che hanno aderito a questo progetto.

Se non sbaglio il progetto è in collaborazione con una Onlus

Si esatto! Non avrei mai potuto cominciare senza l’aiuto dell’Associazione ANIMrkhS Onlus. Io e la presidentessa stiamo lavorando sodo da mesi per cercare di organizzare un congresso dedicato alla sindrome di Mayer Rokitansky e realizzare questo progetto.

Super! In bocca al lupo con il tuo bellissimo progetto Fede! Non vedo l’ora di vedere gli scatti che farai! 

Se qualcuno volesse saperne di più o volesse supportare Roki // Progetto Fotografico questi sono i link

Pagina FB del progetto: https://www.facebook.com/ProgettofotograficoRoki/
Il sito di Federica: http://federicacicuttini.com/it/
Link landing page del progetto: http://federicacicuttini.com/it/roki/

Settimana scorsa anche Donna Moderna ha dedicato un’articolo a Federica e questo progetto: clicca qua per leggere l’articolo
e per chi volesse contribuire al progetto… a breve vi daremo i dettagli per la campagna crowdfunding 🙂

Condividi
Articolo precedenteZip line a Sablayan, Mindoro Occidentale – Chapter 4
Articolo sucessivoLa logica finisce quando inizia la Bosnia
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here