Caffetteria e pasticceria sono le attività offerte nonché poi le mansioni svolte rispettivamente da Stefania Di Fede e Elena Ciccotti presso il locale “Da Stefy” di cui Stefania è la titolare.

E’ sito in viale Tricesimo 83, vicino al negozio di Lego su cui, se vi ricordate, ho redatto il mio primo articolo per Blud e di cui Max Blasone è il responsabile.

Il mio incontro con Stefy, a suo tempo, è stata frutto di un’unione tra utile e dilettevole in quanto proprio la mattina che un mio amico mi ha accompagnato da Max per l’intervista, mi ha anche portato a bere un caffè in questo piccolo spazio, in cui invitanti dolci e un’esplosione di rosa dominano su tutto.

Sì, perché dalla strada si scorgono dei coloratissimi telai di un colore fucsia sgargiante, oltre al fatto che, se ci si avvicina, si notano subito dei deliziosi lampadari e degli sgabelli dello stesso colore.

Ora, io non sono una fanatica del rosa, ma in mezzo al grigiore delle strade udinesi non può non venire voglia di entrare!

Sulla sinistra è collocata la vetrina di esposizione delle prelibatezze dolci e salate create da Stefania ed Elena, mentre sulla destra, separati da una parete, sono collocati dei deliziosi tavolini che richiamano un po’ il tema dell’estate, del giardino e della campagna (udinese). Il tutto avvolto da un’atmosfera altrettanto estiva cui contribuiscono dei pannelli su cui sono stati dipinti dei rossissimi papaveri, proprio dalla zia della titolare, Piera Cuder, di Sacile.

In fin dei conti, oltre al caffè di quella famosa mattina, io non avevo mai provato nessuna delle prelibatezze che vengono realizzate in questo posto, né dolci, né salate. Ma il 13 di febbraio del corrente anno mia zia ha toccato i 90 anni ed io ho pensato che non ci fosse occasione migliore per testare le prelibatezze di Stefy.

Indovinate un po’?… promossa!

Da qui, infatti, l’idea di farle una mini intervista, seppur via telematica, poiché mi hanno insegnato che quando promuovi un prodotto, di qualsiasi tipo sia, lo vendi meglio se lo testi in prima persona. E figuriamoci se in fatto di cibo non mi prestavo.

Di seguito, quindi, giusto un paio di domande per capire un po’ com’è nata questa piccola bomboniera rosea di viale Tricesimo.

Com’è nata l’dea di aprire il bar-pasticceria “da Stefy”?
Dunque, l’idea di mettermi in proprio ce l’ho un po’ da sempre. Mi è sempre piaciuto cucinare e in particolare fare dolci e così ho fatto della mia passione il mio lavoro.

Da esperienze lavorative precedenti ho imparato a lavorare con il caffè e mi è sempre piaciuta l’idea di avere una caffetteria magari con qualche buon dolce da accompagnare. Purtroppo per diverse ragioni di tempo ed economiche non sono mai riuscita a fare dei veri corsi di pasticceria per cui sono molto autodidatta, ma molto spesso ho visto che questo non è un problema perché i nostri dolci sanno proprio di casa.

Da quanto avete aperto?
La mia attività è cominciata ufficialmente il 2 febbraio del 2007 e si è evoluta nel corso del tempo. All’inizio è partito tutto con una gestione di negozio, eravamo solo rivendita di pane e prodotti alimentari, poi nel 2009 abbiamo introdotto il caffè ed insieme al caffè abbiamo acquisito anche un laboratorio tutto nostro: questo ci ha permesso di iniziare a produrre dolci e pizza. Da lì in poi è stato tutto un crescendo, se pure con grosse difficoltà, poiché mi sono trovata a dover mandare avanti un’attività nel pieno periodo della crisi. All’inizio ho fatto tutto da sola anche se la mia famiglia e in particolare mio marito mi hanno dato una grossa mano.

Poi ho conosciuto Elena che lavorava nell’ufficio di fronte il mio negozio, siamo diventate amiche e un po’ di tempo dopo le ho proposto di iniziare la nostra collaborazione, dato che nel frattempo lei era rimasta senza lavoro.

Perché avete fatto ricadere la vostra scelta anche su prodotti vegani?
L’idea del vegano ci venuta circa un anno fa. Un po’ perché vedevamo comunque che questo stile di vita si stava e si sta tuttora diffondendo e poi perché sempre più persone ci facevano presente di essere intolleranti principalmente al lattosio e alcuni anche alle uova, così abbiamo iniziato e stiamo tuttora continuando a sperimentare dolci e preparazioni salate vegane quindi prive di qualsiasi ingrediente di origine animale.

Vogliamo evitare il più possibile preparati e cose confezionate per cui continuiamo a sperimentare ed a modificare le classiche ricette.

Con il vegano abbiamo ritrovato soprattutto la gioia di sperimentare e creare dato che al momento attuale di pasticcerie qui in zona non ce ne sono molte.

Molto carino ed accogliente, colorato, in cui tutto viene fatto con amore.

Per maggiori informazioni:
Tel. 3468427368

Indirizzo: Viale Tricesimo, 83 Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/da-Stefy-101482526274/

Immagini prese da Pixabay + foto di Ornella Basile

12734037_10207494474952943_303386154138949764_n 892279_10151901069941275_589642485_o

Condividi
Articolo precedenteAlda Merini, poetessa dell’amore
Articolo sucessivoColazione dei campioni
Ornella
“C'è soleluna dentro me, c'è l'acqua e c'è il fuoco, c'è notte, giorno, terra e mare, c'è troppo e c'è poco.”

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here