Un doppio intervento oggi per #udinewakeup e #udinerestaacasa, Greta ci racconta perchè seguire le pillole di stile su Come mi vesto oggi?

Mi sono sempre piaciuti i mercatini, soprattutto quelli second hand. Mi piace sgarfare tra mille oggetti che hanno già vissuto una loro storia e adesso potrebbero continuarla con me. Ovviamente non posso comprare tutto…ma con un occhio alle finanze e uno alla “reale necessità” (che poi, voglio dire, di cosa (non) abbiamo bisogno??) qualcosina la trovo sempre! Per questo, oltre che per simpatia e sostegno alle mie compagne di Blud, mi impegno a partecipare ai Buddy Market. E poi capita che, così per caso, all’ultimo compleanno di Blud, io incontri questa sorridente personcina, Consuelo Zamparo, presente con il suo spazio per fare “Quattro chiacchiere con stile”.

Ora, io non seguo tanto la moda, se non per approfittarne quando propone qualcosa che già mi piace. In genere cerco di vestirmi secondo quello che mi sta bene, mascherando i miei difetti, spesso prediligendo la comodità; scelgo i colori in base al mood della giornata e il tipo di attività che mi aspetta. In un certo senso sono un po’ Andy prima di incontrare Miranda e i suoi sguardi radar dall’alto in basso.

Però sono convinta che, anche senza essere “super fashion”, il modo in cui mi vesto abbia un peso rilevante sul modo in cui poi mi muovo e comporto. Sentirmi bene con quello che indosso è importante. Non si tratta di mera bellezza, ma di un senso di sicurezza: con quegli abiti mi sento “io”, mi sento forte (dolce o aggressiva poco importa). Diciamo che sapere che il mio aspetto esteriore rispecchia quello interiore mi dà una marcia in più.
È questo l’animo con cui ho incontrato Consuelo, aka Come mi vesto oggi?, per un’analisi del colore (quando ancora spostarsi era consentito e del Coronavirus non se ne sapeva nulla).

Sia chiaro, oltre alla mia sempreverde curiosità, uno dei motivi che mi spingono ad accettare è che Consuelo è proprio una bella persona, simpatica, disponibile e interessante.

Così ci organizziamo: luogo, giorno, ora, e mi presento a casa sua!
Cominciamo con un test, chiaro e approfondito, per individuare le mie caratteristiche, per poi passare alla prova del nove…i drappi! Mi sono vista in diversi modi e colori, e ho capito cosa intendeva quando mi spiegava cos’è l’armocromia.

Armo… che? Armocromia!
Eh, già! Perché come dice Consuelo,“non esistono colori belli o brutti, ma colori amici o nemici.  I tuoi colori ti doneranno un aspetto più sano, più luminoso e attenueranno piccole imperfezioni del viso, come rughe d’espressione, couperose e occhiaie”.

Ditemi ora, non siete curiose di sperimentare di persona questa splendida idea?
Non temete! Non si tratta di stravolgere il vostro intero guardaroba, anche se nessuno vi impedisce di farlo. (Se potete, buon per voi!) Quello che ho imparato da Consuelo, e che pian piano sto mettendo in pratica, sono dei semplici trucchi che tutti possiamo utilizzare per ottenere una maggiore armonia di colore quando ci vestiamo.

Quindi, in questi giorni di quarantena per tutti, vi suggerisco di seguire Consuelo sulla sua pagina Facebook, sempre attiva con sondaggi, consigli e brevi video che potrebbero esservi molto utili. Sarà una splendida occasione per testare (quasi) di persona se quello che vi ho raccontato di Consuelo corrisponde a verità (ma so già che non potrete darmi torto!).

Seguite dunque  “Come mi vesto oggi?” per i consigli di stile di Consuelo Zamparo!

*********

Vuoi raccontarci anche tu come passi il tempo a casa?
Un disegno, un breve racconto, una poesia, una torta da cucinare con i figli… fateci vedere cosa vi state inventando per passare il tempo. Usate gli hashtag #udinerestaacasa e #udinewakeup, inviateci foto e brevi video a info@blud.life o pubblicateli su Facebook e Instagram: questa volta siamo noi che chiediamo a voi cosa possiamo fare a Udine e dintorni!

Leggi anche: #udinerestaacasa e #udinewakeup: fateci scoprire la vostra Udine!

*********

 

 

 

 

Articolo precedenteRegione FVG: bandi per medici, tecnici e OSS
Articolo sucessivoContest fotografico per sostenere gli Ospedali del FVG
Greta
Sognatrice, istintiva, testarda, aggressiva, sensibile, empatica. Una semplice contraddizione, bastian contrario. Estrema in ogni emozione, visione, situazione. Curiosa, divoratrice di libri, amante delle liste e delle parole e del silenzio. Cantante, scrittora, scarabocchiatrice. Friulana orgogliosa della sua terra e tradizioni. Una vena vagabonda nell’animo, che la spinge a interessarsi a tutto ciò che ancora non ha visto ma vorrebbe tanto. Il suo viaggio ideale è più o meno ovunque, con una leggera predilezione per i paesi freddi e un on-the- road a bordo di un vecchio maggiolone cabrio… Un giorno forse riuscirà a viaggiare leggera, evitando di chiocciolare stipando in valigia mezza casa perché “non si sa mai”

Lascia una risposta

Inserisci il tuo commento
Perfavore inserisci il tuo nome qui