Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

…chi mi ama mi segua…ed è così che come ormai ben sapete mi trovo in India da Ottobre dell’anno scorso per “amore” (se ve lo siete persi leggete il mio primo articolo a riguardo: Ciao Mamma parto per l’India mi sono innamorata).

M ed io abbiamo passato i primi 3 mesi a Kochi (clicca qui per vedere le foto) nello stato del Kerala andando spesso in spiaggia nei week ends in quel luogo mistico che è Varkala (clicca qui per vedere le foto).

Poi ad inizio gennaio il trasferimento per il lavoro di M.

Dal Kerala al Karnataka. Da un piccolo paesino di provincia alla Silicon Valley dell’India.

Dalla costa all’entroterra.

Dall’appartamento con la piscina sul roof ad Infopark, Kochi all’appartamento in centro ma senza piscina a Richmond Town, Bangalore.

Cammina, gira…vedi i quartieri, impara la nuova città…ricerca il “succarolo” migliore che per 20/30 rupie ti prepara il succo fresco: papaya, lime, ananas, anguria, fragole…buonissimo!…trova il negozio dove andare a fare la spesa perchè qua in India svariati alimenti non si trovano…il ristorante non piccante che se no poi stai male…etc…

Ormai dopo quasi un mese sono una local, me la sono girata in lungo ed in largo. C’è un traffico pazzesco ed un’inquinamento acustico ma il tenore della vita non è male e ci sono anche diversi occidentali che vivono qua tra cui circa una settantina di italiani.

Il primo che ho conosciuto è stato Mattia, un ragazzo di Udine che ha aperto una gelateria qua a Bangalore…ma questa è ancora un’altra storia e presto ve la racconterò…

Tornando a noi…Bangalore o Bengaluru è una delle città più progressiste e sviluppate dell’India, gode di clima benevolo, di buoni ristoranti e cafè e ci sono una decina di mall con diversi negozi e marchi all’interno. Ci sono dei bei parchi e anche una sorprendente archittetura di epoca vittoriana…

Spesso andando in giro mi perdo per i quartieri curiosa di vedere come vivono la vita…dal bambino che gioca con un telefono pubblico alla mamma che lava i panni sul marciapiede perchè vive in una baracca per la strada… dall’anziana che pulisce la strada tirando un carretto fino ai contadini che vendono la loro frutta e verdura sedendosi per terra…

..sono tante le scene e le situazioni che si propongono ogni giorno ed è bello imparare pian piano a conoscere una nuova terra, una nuova cultura.

…enjoy my pics…

IMG_7520

IMG_7592 IMG_7640

IMG_7827 thumb_IMG_7401_1024 thumb_IMG_7402_1024 thumb_IMG_7411_1024 thumb_IMG_7426_1024 thumb_IMG_7437_1024 thumb_IMG_7441_1024 thumb_IMG_7677_1024 thumb_IMG_7696_1024 thumb_IMG_7839_1024 thumb_IMG_7884_1024

IMG_7903

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
Condividi
Articolo precedenteCreativo è cretino, parola di Oliviero Toscani
Articolo sucessivoZip line a Sablayan, Mindoro Occidentale – Chapter 4
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here