Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

Yeah! Weekend!

Pronti, zaino in spalla e via alla ricerca della fermata del bus – il messaggio della compagnia  è molto chiaro e dice “davanti allo stadio”. Lo stadio è un’arena con mille entrate, per cui abbiamo, un attimo di difficoltà ma dopo varie chiamate al “numero verde indiano” e con la complicità di alcuni locals, finalmente dopo solamente 2 ore di ritardo – ahimè il traffico – arriva il bus.

Più o meno 8/9 ore per raggiungere la nostra meta ed eccoci arrivati a Pondicherry.
Lasciamo gli zaini in hotel, ci armiamo di macchina fotografica e partiamo alla scoperta di questa cittadina.
Pondicherry è un ex colonia francese e si trova a sud dell’India nello stato del Tamil Nadu.

E’ una città a misura d’uomo, ha circa 240.000 abitanti che per l’India è pochissimo, c’è un tasso di alfabetizzazione superiore alla media nazionale, ci sono le scuole superiori e le università e alcuni abitanti parlano pure in francese.
La città è piacevole, pulita e quasi tranquilla, un’oasi di pace.
Belle case coloniali, grandi portoni dietro ai quali si celano pacifici giardini, viuzze lastricate, case dai muri colorati, caffè ombreggiati da pergolati, negozi e ristoranti di tutti i gusti.

Tre secoli di colonizzazione francese hanno lasciato a Pondicherry sostanziali tracce nell’aspetto esteriore e nella cultura del territorio.
Ai tempi questa città serviva come porto di scalo per le navi commercianti che andavano verso le colonie francesi nel sud est asiatico, e tornavano cariche di spezie, seta e tè per la Francia.

Percorriamo l’affascinante lungomare e incontriamo famiglie, coppie, gruppi… tutti ci sorridono e ci salutano in francese, probabilmente pensano che tutti i bianchi in città provengano dalla Francia.

Cosa vedere:

  • Il lungomare e la statua di Gandhi
  • Paradise Beach
  • Rock Beach
  • La Basilica of the Sacred Heart of Jesus
  • Eglise de Notre Dame des Anges
  • Immaculate Conception Cathedral
  • I mercatini

Il miglior suggerimento è come sempre quello di perdersi tra le vie, la città è piccolina per cui in un weekend si ha la possibilità di vederla tutta in lungo e in largo 🙂

A pochi chilometri di distanza da Pondicherry c’è Auroville, una sorta di città ideale fondata nel 1968 e ispirata da Mirra Alfassa (nota come la Mère, la Madre) e Sri Aurobindo, l’iniziatore dello yoga integrale, che attira turisti del misticismo da tutto il mondo.

Auroville, “città dell’aurora” è una città sperimentale, una società autogestita che si concentra sulle culture del mondo e della spiritualità che ambisce ad una vita senza denaro, governo e religione e dove uomini e donne di ogni nazione possono vivere in pace e armonia.

Siamo entrati, abbiamo visitato il museo e ci siamo addentrati curiosi…nel nostro cammino abbiamo incontrato C., una donna olandese sui 65 anni più o meno che a quanto pare è stata una delle prime a metter piede e a far parte di questa comunità. Ci ha raccontato che Auroville vuole diventare un punto di riferimento per lo sviluppo ecosostenibile e l’innovazione sociale indiana e del mondo. La città sfrutta l’energia solare e si fonda sull’agricoltura biologica, il riciclaggio e costruiscono con tecniche di bioedilizia.

Sono più o meno 2.500 residenti permanenti di 45 nazionalità diverse più vari visitatori di cui la maggior parte turisti o volontari stranieri alla ricerca di un esperienza di vita diversa.
Auroville è finanziata dall’Unesco, dalla comunità europea, dal governo indiano e da donazioni private – se volete saperne di più vi consiglio di visitare il loro sito www.auroville.org

Enjoy!

Next stop: Goa!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
Condividi
Articolo precedenteChiedi chi era Fibra
Articolo sucessivoEventi improbabili per personaggi assurdi
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here