Andaman Islands è semplicemente un paradiso. Avete presente le tipiche immagini delle agenzie di viaggi, ecco sono tutte fatte ad Andaman, perché in realtà le Maldive non esistono… sono un invenzione di Flavio Briatore.

Si arriva in aereo a Port Blair, nell’isola principe di questa costellazione di isolotti poco distanti dalle coste della Birmania. Purtroppo a Port Blair non siamo ancora nel paradiso da cartolina, dobbiamo salpare su “un’avveneristico” traghetto per raggiungere Neil Island.

 

Neil Island non è solo economica, ma soprattutto è pressoché inalterata nella sua selvaggia naturale bellezza: tra alberi sradicati dal vento, fitta vegetazione e scogliere, si possono raggiungere spiagge da sogno ed assistere a tramonti veramente mozzafiato.

L’arcipelago di Andaman si trova poco sopra a quello di Nicobar, che purtroppo non è raggiungibile dai vari turisti in quanto riserva naturale protetta (vi rendete conto che le tribù di Nicobar Island non hanno visto il bastone da selfie e Miley Cyrus leccare i martelli?!?); alcune tribù autoctone si possono ancora trovare ad Andaman, ma non li si può importunare e fotografare, tipo Licio Gelli.

L’ isola più popolare, costosa ed affollata di Andaman è sicuramente Havelock Island, a mio modesto parere merita una visita solo per il tramonto ad Elephant Beach. Purtroppo ad havelock i bungalow sulla spiaggia sono affollati da francesi e russi, seppur le spiagge si possono comunque definire tranquille.

Per quanto riguarda i trasporti e ristoranti, siamo stati vittime d’una truffa dietro l’altra (in particolare comparando i prezzi di Neil Island), ma magari siamo stati semplicemente sfortunati o poco attenti.

Il clima è super e la gente del posto è così tranquilla ed accogliente che ti dimentichi del mondo, di Flavio Briatore e Miley Cyrus, ma i bastoni da selfie continuano a circondarti, dal momento che indiani e russi sono attorno a te a fare ciò che gli viene meglio: immortalarsi in n pose grottesche.

Vi garantisco questo è il paradiso, se solo non ci fossero altri esseri umani Andaman sarebbe il paradiso in terra. Non a caso, nelle agenzie le foto dei paradisi tropicali sono per antonomasia isole deserte con una palma, una barca, la spiaggia, il mare, il sole, punto e basta. Quando vai nei paradisi tropicali sogni un’isola deserta, parafrasato: quando raggiungi il tuo beneamato paradiso tropicale non vuoi i tuoi simili attorno, se no le agenzie te li avrebbero messi nei loro cataloghi illustrati, fidatevi.

Condividi
Articolo precedenteUna Mole di rime direttamente da Belluno
Articolo sucessivoA spasso per il FVG – capitolo 1
La Ste
Classe ’84. Originaria Udinese ma le piace considerarsi cittadina del mondo. Sognatrice, curiosa, estroversa e visionaria. Ama la buona musica, i tatuaggi, il cibo italiano, la fotografia e tutto ciò che è “street” dai vestiti all'arte, la musica e lo skate. La passione per i viaggi la porteranno ad affrontare 2 giri del mondo e a vivere in diversi continenti. Ha un background in marketing & comunicazione e una specializzazione nell’organizzazione di eventi di ogni genere, di questo blog è la fondatrice.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here