Roma, Dicembre 1995. Negli uffici della sede centrale della RAI, JK Rowling è il nome sulla bocca di tutti. Merito del figlio di uno dei direttori al vertice di RAI cinema, tornato da una vacanza studio a Edimburgo con una copia del manoscritto “Harry Potter e la pietra filosofale” in borsa.

Il manoscritto è piaciuto tantissimo a un traduttore italo-americano, che si è premurato di fare una copia in italiano, passata di mano in mano e letta con avidità dai pilastri della televisione italiana. Impossibile non riconoscerne il valore, e così la decisione di fare un investimento sul maghetto britannico.
La scrittrice non ci credeva quando è arrivata la chiamata da Roma, proponendole ufficialmente un viaggio per un incontro culturale, e ufficiosamente i contatti per la pubblicazione di Harry Potter da parte di una nota casa editrice italiana, e la produzione di un film su “la pietra filosofale”.
Anche se questo, come aggiunge la voce al telefono in un inglese non proprio oxfordiano, “it’s just the beggining for us!”.

Joanne è finalmente in Italia, il viaggio e il soggiorno è tutto offerto da via Teulada, cosa ottima e necessaria, anche perché i soldi in questo momento scarseggiano, e la Rowling vive di sussidi statali in un appartamento che non ha nemmeno i soldi per riscaldare dignitosamente.
E lì, seduta a quel tavolo con i dirigenti RAI e della nota casa editrice, riesce a stento a trattenere le lacrime quando le viene offerta la pubblicazione di “Harry Potter e la pietra filosofale” e la conseguente produzione del film, in esclusiva per la RAI. Si parla di un’offerta di milioni di lire, vincolata a una condizione: RAI cinema potrà girare la saga di Harry Potter senza alcun vincolo, in assoluta libertà.
JK Rowling non ci pensa due volte, e con un filo di voce, prima di apporre la firma sui documenti, dice “Obrigado”, confondendosi con la sua esperienza a Oporto, in Portogallo.

Il resto è storia. “Harry Potter e la pietra filosofale” è il primo successo letterario di JK Rowling, che di lì a poco diventerà la più famosa autrice di libri fantasy del mondo. E RAI CINEMA diventerà un colosso mondiale dell’intrattenimento, producendo tutti gli otto film che compongono la saga del maghetto, rendendo noti in tutto il mondo gli attori italiani protagonisti e la meravigliosa location di Hogwarts (Vezio sul Lago di Como).

Ricordiamo così quel cast, formato da giovani volti e autentici colossi che hanno fatto la storia del cinema italiano.

Franz Candoni e Marica Alosi

 

 

 

Lascia una risposta

Inserisci il tuo commento
Perfavore inserisci il tuo nome qui