Riceviamo e condividiamo la storia di Anna, che ci ha voluto confidare le esperienze che lei e il suo compagno Giuseppe hanno vissuto qualche tempo fa.
“Vi scriviamo perché proviamo ancora tanta rabbia per quanto successo, ma soprattutto abbiamo letto l’articolo in cui Luciana vi ha parlato delle sue disgrazie e di come la Farinet le ha risolte.

. La Farinet ha la nostra piena fiducia! Ed è giusto che dei bravi professionisti abbiano il successo che meritano, quindi ci teniamo tantissimo a riportare anche il nostro punto di vista”.

Racconta Anna…

…Noi abitiamo in un condominio, è un palazzo datato, dove per vari motivi i proprietari al momento di fare la manutenzione ordinaria hanno tergiversato e hanno preferito attendere, prima di procedere con i lavori. Non abbiamo capito bene se la scelta è stata data dalla poca voglia di affrontare carte, scartoffie e preventivi, o se è stata proprio fatta una valutazione errata alla base, ma quello di cui siamo sicuri, è che la loro è stata una scelta sbagliata.
Inoltre c’è da aggiungere, che già in passato l’amministratore non aveva dato prova di meritarsi fiducia mia e del mio compagno, quindi capite che tutte le premesse della storia che stiamo per raccontarvi, non sono buone.

Spoiler: quando c’è di mezzo la sicurezza e le tasche altrui, meglio essere previdenti e piuttosto indire una noiosissisima riunione condominiale in più. Perchè per quanto la gente abbia di meglio da fare, spesso può rivelarsi un incontro molto utile.

Ma tornando all’Amministratore di condominio, lasciate che mi sfoghi un po’ con voi e non solo con Giuseppe, che mi ha sentito già abbastanza urlare al telefono per questa faccenda…

Nella mia ingenuità, ho sempre pensato che gli amministratori dovessero aiutare, essere un po’ dei paladini della giustizia, ma quello che sto per dirvi è la chiara dimostrazione che troverete sempre qualcuno disposto a fregarvi. Non ne abbia a male la categoria degli amministratori di condominio, non tutte le persone sono uguali, ma per quel che riguarda la nostra esperienza personale, possiamo solo lamentarci.

Noi abitiamo all’ultimo piano di questo bellissimo condominio, ad un certo punto del 2018, verso maggio, abbiamo iniziato a notare perdite da uno dei lucernari.
Io e Beppe abbiamo contattato il famigerato Amministratore di condominio (di cui sopra), che gentilmente ci ha fornito in quattro e quattr’otto il nominativo di un’azienda di sua fiducia. Sono stati rapidi eh, nel giro di un paio di giorni erano già venuti a fare i lavori, ma abbiamo notato subito un po’ di… come dire… imprecisione. Nonostante la nostra richiesta di controllare anche tutti gli altri lucernari e di fare un giro sul tetto, ci hanno risposto che non serviva. Beppe ha insistito un po’ perché facessero un secondo controllo, ma a detta loro, era un lavoro inutile.

Sarà che noi due ci conosciamo e stiamo insieme da anni, sarà che abbiamo imparato a capire cosa pensa uno e cosa l’altra, ma in quel momento ci siamo guardati consapevoli che lo stesso dubbio  ci attanagliava la mente: se entra acqua da una parte, perché non fare un controllo generale?

Ma di fronte all’ennesimo “Non serve”, abbiamo pensato che forse non essendo esperti, stavamo facendo perde loro tempo con richieste inutili. Eppure il dubbio era lì, in un angolino del cervello, quasi a dire “Fregatura in corso… fregatura in corso…!”

Sta di fatto che l’ulteriore controllo chiesto da noi non c’è stato, ma siamo andati in fiducia, abbiamo pagato e siamo andati oltre.

La cosa assolutamente simpatica (simpaticissima!) è che essendo piena estate e le piogge quasi del tutto assenti, abbiamo dovuto aspettare l’acquazzone di settembre per renderci conto che il nostro lucernario perdeva. Di nuovo. Ancora. Sì, lo stesso lucernario che avevano aggiustato (?) mesi prima. Ci siamo sentiti presi leggermente per i fondelli, soprattutto quando per solidarietà fra di loro, hanno iniziato a perdere anche gli altri 3 lucernari!!!

Ero nera. Oltre all’acqua che entrava, avevamo pagato per un servizio inutile la prima volta e ci ritrovavamo a dover affrontare una seconda spesa, in un momento per noi non proprio sereno, per giunta.

Proviamo quindi a risentire l’Amministratore, che con la sua voce suadente ci rassicura e ci avvisa di aver già previsto un intervento di manutenzione a livello condominiale e la sua azienda di fiducia (quella che aveva fatto il lavoro a noi un paio di mesi prima, per intenderci) ha già fatto un preventivo …perché appunto quando ha effettuato l’intervento da noi ha visto il disastro e c’ha voluto lucrare sopra! Ovviamente questo l’Amministratore si rifiuta di ammetterlo, ma come dare il beneficio del dubbio, a fronte delle tempistiche e soprattutto dell’intervento fatto da noi e a nostre spese, poco tempo prima?

E’ anche vero che l’addetto ai lavori quando è venuto da me e Beppe, non è voluto salire su tetto a controllare, quindi ci siamo chiesti, come faceva ad aver individuato correttamente il problema? Con la forza del pensiero? Poteri magici?

In bilico fra la sorpresa e la preoccupazione, non sapevamo se ridere o piangere, mentre ovviamente gli altri inquilini del palazzo erano all’oscuro di tutto.

Basta, ci siamo detti, corriamo ai ripari in previsione della sicura riunione di condominio che ci sarebbe stata da lì a breve, proprio per permettere all’Amministratore di presentare il preventivo dei lavori della sua cara azienda di fiducia.

Dopo un’accurata ricerca su internet e un giro di chiacchiere fra amici e conoscenti abbiamo scoperto un azienda friulana, che si è subito dimostrata disponibile e affidabile presentandosi puntuale e in tempi davvero brevissimi.  Così abbiamo conosciuto Alessandro il giovane titolare che svolge un lavoro che ama e conosce come le sue tasche. A differenza dell’altra visita che abbiamo ricevuto non ha usato poteri soprannaturali ma invece è salito sul tetto scoprendo una serie di problematiche che tutti noi abbiamo sempre ignorato e che potevamo sicuramente evitare se negli anni fosse stata fatta la giusta manutenzione.

E per quanto riguarda i nostri poveri lucernari abbiamo scoperto dopo quasi 20 anni che erano stati montati sbagliati fin dall’inizio, utilizzando accessori assolutamente non conformi…quindi hai voglia a rattoppare i buchi!

Grazie alle foto della Farinet e alle spiegazioni che gentilmente Alessandro ha dato a tutti i condomini (ah si! L’abbiamo chiamato alla riunione, che sentissero tutti!) la decisione sembrava già presa ma l’amministratore continuava a puntare sulla sua fantomatica azienda di fiducia.

Neanche a dirlo, noi ci siamo opposti. Io e Beppe abbiamo deciso di procedere con la sostituzione dei lucernari in quanto la spesa era a carico nostro (e fino a prova contraria siamo liberi ancora oggi di decidere quale sia la NOSTRA azienda di fiducia), quindi ci siamo appoggiati alla Farinet Coperture che in una giornata di lavoro ci ha risolto tutti i problemi.

Come ogni bella favola che si rispetti poi, c’è stato il lieto fine, perché ovviamente, a fronte di un lavoro ben fatto e venuti a conoscenza di tutta la situazione, nonché della nostra soddisfazione del servizio della Farinet, TUTTI i condomini hanno votato alla riunione successiva, per affidare a loro l’incarico di sistemare il tetto.

Tutto questo per dire: sceglietevi bene l’Amministratore di condominio, e informatevi sempre sulle ditte che devono operare in casa vostra! Un errore è umano, ma quando si parla di soldi (tanti tanti soldi se si tratta di un condominio) non ci si può permettere di essere negligenti!
E se dovete fare lavori, anche noi come Luciana, vi consigliamo di chiedere alla Farinet di Feletto!

Anna e Giuseppe

 

Lascia una risposta

Inserisci il tuo commento
Perfavore inserisci il tuo nome qui