Agosto inizia bene, questa sera l’arena di Lignano Sabbiadoro ospita i Subsonica nel loro tour estivo!

Sono emozionata come una bambina! I Subsonica sono uno di quei gruppi che ho sentito e risentito e visto e rivisto in concerto e lo spettacolo merita ogni volta.
Purtroppo gli ultimi concerti in zona li ho persi, l’anno scorso suonavano a Majano e io ero in Germania (esperienza bellissima, ne parlo qui) e a gennaio invece mentre loro suonavano al Deposito Giordani, io lavoravo a teatro.
Sono iscritta su facebook al gruppo “Subsonica fan club” e ho letto cose che voi umani non potete neanche immaginare, discussioni di giorni e giorni, insulti su insulti a chi dice “I Subsonica io no”. Ecco, io voglio precisare che li amo per davvero, ma a quei livelli spero di non arrivare mai.
Ma invece vi dico “I Subsonica io sì e non so come fanno a non piacervi” e dopo 4 lustri che li seguo, questa sera sotto il palco vi assicurò che darò sfoggio della mia esaltazione e della mia voce poco intonata. E se poi voi continuerete a non seguirli e a non ascoltarli, peggio per voi =D

7 album pubblicati,  diversi premi vinti e una partecipazione a Sanremo, i Subsonica festeggiano i loro primi 20 anni di attività: era il 1996 quando Ninja, PierFunk (che lascerà il posto a Vico nel ’99), Samuel, Max e Boosta decisero di formare uno dei gruppi più seguiti e “sperimentativi” della scena musicale degli ultimi anni.
Nel 1997 esce l’album omonimo “SubsOnica”, preceduto dal singolo “Istantanee”, nel video li possiamo ammirare più giovani e con più capelli, ma la voce di Samuel nel tempo è rimasta sempre bella.

Nel 1999 è la volta di “Microchip emozionale” e nel 2000 la partecipazione a Sanremo con “Strade”. Nel 2002 esce “Amorematico” e l’anno dopo “Controllo del livello di rombo”, registrazione dei live dell’anno precedente.
Nel 2004 viene registrato “Terrestre”, seguito da “Terrestre live ed altre disfunzioni”, doppio album (live ed acustico) che raccoglie brani eseguiti durante il Terrestre Tour e omaggi ad altri artisti.
Nel 2007 esce “La glaciazione”, primo singolo del nuovo album di inediti dal titolo “L’eclissi” pubblicato in contemporanea con il concerto che fu d’apertura del tour a Jesolo.
Il 2008 vede la nascita di “Nel vuoto per mano 1997/2007”, la prima raccolta di singoli ufficiale dei Subsonica, contenente il singolo inedito “Il vento” con relativo video condotto da Cosimo Alemà.
A seguire gli ultimi due album, “Eden” del 2011 e “Una nave in una foresta” del 2014.

Negli anni sono state molte le collaborazioni con altri artisti, per citarne qualcuna “Per un’ora d’amore” con Antonella Ruggiero, “Discolabirinto” con i Bluvertigo, “Gente tranquilla” con il rapper marocchino Rachid (pezzone!), fino ai più recenti “Up patriots to arm” di Franco Battiato e “La Funzione” con i Righeira.

Sono tante le canzoni dei Subsonica che mi piacciono e non saprei sceglierne solo una. Negli anni ammetto di averli un po’ persi di vista, ma ai concerti quando ho potuto ci sono sempre andata, perchè come dicevo sopra, dal vivo sono sempre uno spettacolo magnifico, coinvolgente, da saltare due ore urlando al cielo lassù e cercando di arrivare a quelle note alte a cui nessun essere umano normale può arrivare, ma tu ci provi e continui a provarci, che tanto quando sei in mezzo alla folla che urla come te, ad un certo punto va bene qualsiasi cosa.

Per tutti questi motivi sono andata a sbirciare le scalette dei concerti passati di questo tour estivo e se come me volete dare una ripassata ai testi per stasera, ecco qua:

Istantanee
Non identificato
Cose che non ho
Sonde
Aurora sogna
Colpo di pistola
Albascura
Gente tranquilla
Dentro i miei vuoti
Ratto
Abitudine
Corpo a corpo
L’ultima risposta
Il centro della fiamma
Veleno
Benzina Ogoshi
Io sto bene
Il diluvio
Istrice
Specchio
I cerchi degli alberi
Lazzaro
Tutti i miei sbagli

Stasera saremo presenti anche noi al concerto, seguiteci sulla nostra pagina facebook per le dirette! 😉

Condividi
Articolo precedenteKa mate, ka mate! Ka ora
Articolo sucessivoIl mondo delle fate di Christine Haworth
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 240 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Renzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here