Premesso che la prima volta che mi hanno presentato nel piatto del risotto alle fragole, non dico di essere stata disgustata, ma quasi. In cucina non sono molto propensa a sperimentare ricette con ingredienti così agli antipodi tra loro, voglio dire, fragole e risotto nello stesso piatto non sono esattamente i primi ingredienti a cui penso quando ho voglia di cucinare.

Ma bighellonando tra un sito e l’altro sono inciampata in una ricetta che spiegava come fare questo risotto con arance e zafferano. Non so perché, ma nella mia testa, arance e zafferano insieme stavano meglio delle fragole e me ne sono convinta dopo aver dato un occhio agli ingredienti ed aver visto la panna. Non fatemi domande; la panna è come la frittura: rende buona qualsiasi cosa. (Più o meno.)

Fatto sta, che ho voluto sperimentare e il risultato, non per vantarmi (non è vero, voglio proprio vantarmi e sottolineare quanto sono brava), è stato eccezionale!

Perciò non siate prevenuti ed osate, seguendo, se avrete piacere, la ricetta di seguito:

INGREDIENTI (5 persone):

* risotto (500 gr.)
* arance (2 intere)
* zafferano (1 bustina)
* panna (1 confezione)
* cipolla (se è grande, poco meno della metà)
* burro q.b.
* sale q.b.
* dado q.b.
* pepe q.b.

PREPARAZIONE:

Sminuzzate la cipolla e mettetela a rosolare in una padella con le bucce di entrambe le arance (precedentemente lavate) grattugiate e del burro.

Versate il riso nella padella e cucinatelo aggiungendo costantemente dell’acqua (in realtà dovreste aggiungere del brodo, ma io tendo ad aggiungere solo acqua e ad insaporire in un secondo momento) fino a che il risotto non sarà quasi pronto.

Nel frattempo sminuzzate le arance private in precedenza della buccia e, a vostro piacere, ne fate una spremuta o le lasciate a pezzettini (io preferisco la prima opzione).

Versate le arance sminuzzate o semplicemente il loro succo (a seconda di ciò che più vi ispira) assieme allo zafferano nel risotto, continuando sempre a mescolare.

Nell’ultimo passaggio aggiungete l’astuccio di panna e, se avete aggiunto solo dell’acqua durante la cottura, insaporite con sale, pepe, dado e burro. Al contrario, se avete aggiunto il brodo, assaggiate ed aggiustate semplicemente con quello che manca.

Servite su un piatto e fate i fighi decorando con fettine d’arancio o foglie di menta.

Fidatevi, non ve ne pentirete.

Parola di Chef Porny 😉

Immagini prese da Google
risotto-arancia1 12540680_10207340144294773_5565337178796833113_n 946168_10207340144614781_7548411366860103437_n RISOTTO-ORANGE-TALEGGIO

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here