Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

La mia playlist di oggi ha a che fare con il nuovo look.

Da ragazzina m’innamorai, oltra che di Daryl Hannah in Splash – Una sirena a Manhattan -, anche di un’altra eroina, sacerdotessa della musica dark degli anni ’70: Christa Paffgen, in arte Nico.
Tutte e due bellissime, la prima con una coda di squame, la seconda amazzone misteriosa.
Entrambe portavano i capelli lunghi, liberi e biondissimi. Con frangetta.
Ecco, io ora assomiglio, o meglio, m’illudo di poter assomigliare alle mie veneri di ninfetta e proprio da Nico, comincia la scaletta n°2 della vostra Svamp.

Il vero debutto di Nico nel mondo del rock avviene a New York, dove conosce Bob Dylan, che le dedica la sua “Visions of Johanna” e la mette in contatto con Andy Warhol. Il maestro della Pop Art la inserisce in pianta stabile nel suo entourage, le procura delle parti in alcuni film sperimentali, come “Chelsea girl”, e soprattutto asseconda le sue aspirazioni musicali, imponendola come chanteuse ai suoi protetti Velvet Underground. All’inizio Lou Reed e soci non l’accettano, temendo di finire oscurati dal suo carisma. Poi con John Cale si stabilisce un legame profondo, che porterà Nico a suonare accompagnata dalla viola del grande musicista americano in giro per il mondo.
Da questa convivenza difficile nasce l’album-capolavoro The Velvet Underground and Nico, griffato in copertina dalla banana a firma di Andy Warhol.

Nico – These Days

Bob Dylan – Visions of Johanna

The Velvet Underground and Nico – There She goes again

Dopo la pubblicazione di questo album, Nico scompare dalla scena e si trasferisce a Parigi. Si esibisce solo occasionalmente, accompagnata dai suoni del suo armonium. Tra le rare apparizioni del periodo, un concerto acustico al fianco di John Cale (immortalato nel bootleg “En concert a l’enfer”) e una partecipazione nel 1973 al festival del Bataclan, con Cale e Lou Reed. In quell’occasione, curiosamente, l’artista tedesca ha modo di incontrare anche un giovanissimo Franco Battiato. L’anno successivo, Nico partecipa con Kevin Ayers, John Cale e Brian Eno al celebre concerto del 1° giugno al Rainbow e rafforza il suo mito di “valkiria del rock” con una spettrale performance insieme ai Tangerine Dream nella cattedrale di Reims.

Lou Reed – Berlin

Franco Battiato – Cariocinesi

Nico ripropone con una cover la canzone Heroes di David Bowie

David Bowie – Heroes


Durante gli anni 80, Nico diventa una sorta di “Billie Holiday della punk generation” e il movimento dark le tributa il suo omaggio. Siouxsie la vuole con sé nei suoi concerti come supporter, e per la cantante tedesca sembra iniziare una seconda giovinezza. Ma nel luglio 1988, a Ibiza, Nico muore in circostanze misteriose.

Siouxsie and the Banshees – Spellbound

A proposito di biondissime, lo sapevate che Brigitte Bardot oltre ad essere un’attrice, modella e attivista francese era anche una cantante? Questa sicuramente la conoscete ed è sua…

Brigitte Bardot – Moi je Joue

La prima moglie di John Lennon, Cynthia Powell, nella sua autobiografia A Twist of Lennon ricorda di essersi schiarita i capelli per assomigliare a Brigitte.

John Lennon – I’m losing you

Concludiamo con un pezzo famosissimo di Nico con i Velvet Underground

The Velvet Underground and Nico – Sunday Morning

 

nic Nico 13frankbeznicoandandyasbatmanandrobin1967_full velvetu

by
Federica Cicuttini

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here