Open for everithing

Dello spettacolo presentato a Udine nel 2015, Open for eberithing, si era molto discusso.In quel caso l’argomento era “la vita gitana”. Per mesi Costanza Macras aveva coinvolto in laboratori varie comunità rom che alla fine si sono mescolate sul palco con la compagnia di ballo dando vita ad un progetto teatrale articolato, accolto dal pubblico con fragorosi applausi ma anche da qualche polemica.

Qualcuno l’ha definito “uno spettacolo di frasi fatte”, ma a me era piaciuto molto (che ve lo dico a fare?): musica dal vivo, ballerini professionisti e ballerini improvvisati, in un turbinio di movimenti e colori, il tutto diretto da una coreografa che non a caso è stata immolata dalla critica come una delle migliori post Pina Baush.
Chiaramente la rappresentazione andava a toccare temi ed una realtà vicini a noi, di conseguenza dibattiti e commenti si sono fatti sentire.
Ma ben venga dico io, parlare di qualcosa è meglio che non affrontare affatto il discorso.

The Ghost

Quest’anno invece Teatro Contatto riporta Costanza Macras a Udine ma alle prese con un argomento totalmente diverso: gli artisti circensi cinesi.
E non a caso lo spettacolo sarà ospite del Giovannone come anteprima del FEFF 2016.

https://www.youtube.com/watch?v=RbX4Aa-KBxg

Un teatro totale, che in The Ghost scatena cortocircuiti mozzafiato fra la danza, il teatro, la musica dal vivo e una delle arti più rappresentative della Cina nel mondo: l’arte del circo, con i suoi equilibrismi e le acrobazie che sfidano le leggi della gravità.

La trama

Il focus di Macras sulla Cina è però singolare e non convenzionale: ad attirare la Macras sono infatti le vite e le parabole artistiche di alcuni acrobati cinesi ormai alla fine della loro carriera. Persone che a soli 25 anni si ritrovano già messe da parte e presto dimenticate dalla società cinese. Fantasmi, appunto, che ricordano molto anche alcune figure della mitologia cinese: gli “spiriti insoddisfatti”, anime perse che sono state dimenticate dai loro discendenti, destinate a una misera esistenza in un regno di mezzo.

Uno spettacolo che unisce la magia del circo a momenti di riflessione, uno spettacolo adatto anche ad un pubblico più giovane, che resterà sicuramente a bocca aperta davanti alle acrobazie dei contorsionisti sul palco.

Chi?

The Gost, spettacolo di chiusura stagione Teatro Contatto ed anteprima Fare Est Film Festival 2016

Quando?

21 aprile 2016, ore 21

Dove?

Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Perchè?

Perchè quando c’è qualcosa di bello da fare è un peccato non partecipare

Volete saperne di più?
Il 21 aprile alle ore 18:00 Costanza Macras incontra il pubblico

Vi incuriosice almeno un po’? Non mancate, sarà una serata emozionante!

Biglietteria
Teatro Palamostre 

piazzale Paolo Diacono 21
33100 Udine
tel +39 0432 506925
fax +39 0432 504448
biglietteria@cssudine.it
orario: dal martedì al sabato ore 17.30 – 19.30

Immagini prese da Google

533274643_1280x720 event-the-ghosts-constanza-macras-dorkypark-de-2-tkhunt event-the-ghosts-constanza-macras-dorkypark-de-tkhunt rendition=original

the-past-_c_-_13_-thomas-aurin-_15_

 

 

Articolo precedenteCome iniziare slackline
Articolo sucessivoFifty shades of green
Alessandra
Nata nel 1982 con un peso di 2kg e 240 grammi, negli anni ha recuperato grazie alle nonne ed alla passione per il buon cibo. Una laurea in Studi Europei, un erasmus alle spalle, la voglia di partire sempre in tasca e una cicatrice sul polpaccio sinistro. Si sente nuda se non indossa un paio di orecchini. Colore preferito: rosso. Colore preferito dei capelli: variabile. Cocktail: Godfather. Pandoro o panettone: pandoro. Non sopporta Maurizio Costanzo, Renzo Arbore, la zucca, l’uvetta e il test di Cooper. Ama la musica, i libri, il teatro, gli accenti stranieri e il ragù.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here