Avete mai organizzato una gita tra amici per andare a vedere e scoprire un posto che non avevate mai visto? Ecco, assieme a Blud e a Gloria Buccino ho avuto l’onore di fare questa cosa, aperta ad amici e “sconosciuti”, curiosi di conoscere qualche cosa di nuovo.

Questa gita l’ho intitolata “Vagando col Luche”, perché in pratica è quello che io faccio tutte le volte quando esco con i miei amici, solo che questa volta eravamo un po’ di più.
Eravamo in 18 per la precisione (tantissimi a mio avviso, ma è stato davvero bello!)
A parte il mio naturale imbarazzo a parlare davanti a tanta gente (chiedo scusa ai presenti), la preparatissima Gloria ci ha acculturato circa i  posti dove ci trovavamo.
Dove ci trovavamo? Caporetto.

Vagando col Luche

La giornata non è stata delle migliori per la fotografia paesaggistica a causa della foschia che ci circondava nonostante il sole che ci scaldava.
Siamo riusciti comunque a fare e parlare un po’ di fotografia, a parlare di storia e di natura.
Non vi posso dire troppe cose che abbiamo fatto, così che i partecipanti possono considerarsi fortunati avendo partecipato a questa giornata!
Per gli altri invece posso dire che la camminata è piacevole.

Siamo partiti da Caporetto in direzione del Sacrario a qualche decina di metri sopra la città (una vera e propria via crucis in salita, per partire con lo spirito gusto).
Successivamente ci siamo addentrati per qualche chilometro dentro i boschi, per raggiungere un vecchio villaggio medioevale, dove Gloria ci ha raccontato che in quella zona erano presenti ben 3 chiese.

Da qui poi siamo scesi giù fino a pochi metri dal fiume Isonzo, scendendo ripidi scalini (che qualcuno ha visto da vicino) e attraversando un ponte sospeso (al quale qualcuno si è tenuto vicinissimo al corrimano). Attraversato questo ponte ci aspettavano ancora poche centinaia di metri per raggiungere una delle cascate più caratteristiche della zona:

Slap Kozjak (io non ho ancora imparato a pronunciare il nome)

Dopo questa fresca visione ci siamo dedicati ad un rilassante pranzo, fornitoci dalle sapienti mani della Ciclofocacceria MAMM.

Il rientro verso Caporetto poi è stato molto tranquillo e abbastanza pianeggiante, costeggiando il fiume Isonzo e attraversandolo sopra il monumentale ponte di Napoleone. Una volta rientrati ci siamo ovviamente concessi l’onore di una birra (perchè guai non bere una Pivo quando si va in Slovenia) per poi salutarci e augurandoci di trovarci per una prossima camminata.

Ve lo anticipo, ci sto già pensando su. Quindi mi raccomando, tenete d’occhio la pagina Facebook di Blud per i nuovi eventi, veniteci a conoscere per sapere con chi avrete a che fare in queste gite! (siamo tutta gente per bene, tranquilli).

Detto questo, ci tengo a ringraziare tanto: Stefania per avermi dato la possibilità di fare tutto questo, Gloria per avermi aiutato a scegliere il posto da visitare e per averci raccontato tante cose che non sapevamo e tutti i partecipanti per aver partecipato a questa gita.

Grazie davvero a tutti.
Luche

Ps: se siete curiosi di vedere altre foto della giornata, le trovate sulla pagina Facebook di Blud e su instagram con l’hashtag #vagandocolluche

Articolo precedenteGergo Morales, l’hip-hop di casa nostra fatto col cuore
Articolo sucessivoTributo alla Canzone d’Autore
Luca
Nel Gennaio del 2013 mi comprai la prima macchina fotografica con i primi soldi che mi feci lavorando. Quando iniziai a scattare non mi rendevo conto del vero potere della fotografia. Con il tempo ho iniziato a conoscere sempre più persone, più stili, a vedere più foto, più paesaggi. Li ho osservati e di ogni cosa ne ho preso quello che più mi rappresentava. Questo "processo" lo sto continuando a coltivare mescolandolo alle emozioni e alle sensazioni che provo. Quello che cerco di trasmettere con una foto non è il semplice paesaggio o soggetto rappresentato, bensì metterci dento una parte di me. https://luchedalnord.wordpress.com/ https://m.facebook.com/photosdalluche/ http://instagram.com/luche_dal_nord

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here