Vi ricordate quando nel 2018 Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco sono stati ospiti di Rifrazioni e abbiamo trasmesso una puntata speciale de L’Angolo di Blud dal giardino di Friulmarangon a Orzano? Noi li abbiamo adorati e oggi vi comunichiamo con molto piacere la prossima uscita del nuovo brano “Una bellissima festa”, sperando che oltre ad essere il titolo del pezzo, sia anche un augurio di buon auspicio!

La Colletta Dischi

Dopo anni di esordi, concerti e dischi auto-prodotti, più di qualcuno si è accorto dell’esistenza di un movimento in fermento tra le zone che ruotano attorno alla laguna veneziana. Musicisti e artisti che si conoscono e iniziano a collaborare tra loro, ad andare ai reciproci concerti e a supportarsi tramite i propri canali di comunicazione, proponendo sonorità personali e quasi mai necessariamente legate a un’idea di moda.

La genesi di un’etichetta discografica, in risposta a questo fenomeno, sembrava
un passaggio quasi inevitabile e sempre più sentito per concretizzare tutto questo.
Dall’incontro tra più realtà nasce quindi La Colletta Dischi, progetto che unisce le competenze di ognuno dei soggetti coinvolti per arricchire la rete creata tra gli artisti della provincia di Venezia, avvicinare i musicisti tra loro e pianificare la via migliore per diffondere le loro opere, rispettandone le scelte artistiche e valorizzandone la qualità.

Il progetto nato per fare squadra

Queste realtà sono principalmente il Mud Sound, tra gli studi di registrazione di riferimento nell’entroterra veneziano, Voci Sparse, format dedicato al cantautorato locale ospitato da Argo16, una delle principali sale da concerto di tutto il Nordest, e Boogie, casa di edizioni musicali fondata da Daniele “Bullo” Russo da sempre attenta ai movimenti dell’underground territoriale.

A queste si uniscono forti personalità legate alle band Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco e Queen of Saba, gruppi di Venezia ma che hanno saputo uscire dai propri
confini organizzandosi, in via del tutto indipendente, un tour di concerti in tutt’Italia e arrivando a calcare palchi rinomati come quelli di Piazza San Marco per il carnevale veneziano e di Festival quali Sherwood e Home.

La Colletta Dischi è uno studio di registrazione, un ufficio stampa, un’agenzia di booking e un team con funzione manageriale. Nasce nel 2021 dopo un anno estremamente difficile e fatale per molti soggetti, dai più piccoli ai capisaldi storici, dopo un anno spogliato da quella che era rimasta l’unica fonte di sostentamento per la musica indipendente: i concerti. Sebbene non si direbbe essere il periodo migliore per mettersi in gioco o cercare di inserirsi in un mercato musicale profondamente mutato e ancora in via di definizione, questo è sicuramente il momento giusto per fare squadra e aiutare quegli artisti che hanno bisogno di tornare in careggiata con i propri progetti. L’etichetta per
ora ne conta già tre nel proprio roster.

I nuovi brani

L’esordio de La Colletta Dischi è previsto per la mezzanotte del 29 gennaio con la pubblicazione di tre singoli, ognuno di un gruppo che nel corso degli ultimi anni è riuscito a distinguersi all’interno della scena veneziana, e non solo. Ognuno contraddistinto da un’identità forte e inequivocabile.

Spremiagrumi dei Queen of Saba
Un monologo interiore notturno, lento e un po’ confuso che sa
di postumi e malinconia, in cui la voce è protagonista su una base di synth ciclica e sincopata in grado di descrivere tramite i suoni ciò che racconta il testo.

Una limonata, sì ci starebbe bene
Così sto sveglia un altro po’ ché mi conviene
Perché se dormo poi arrivi tu
Che mi dici che non mi ami più

Paolo Conte di Samuele Stanco e i Gabbiani Malvagi.
Flusso di coscienza “un po’ nonsense”, alticcio e sporco sotto forma di cantautorato dalle sfumature blues e swing. Chitarra, walking bass e spazzole per lasciare il giusto spazio alle parole.

Paolo Conte
Via con me e poi faccio dietro front
Andiamo donde?

Una bellissima festa del Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco.
Canzone dai toni nostalgici, nata in piena quarantena e sviluppato tra la sala prove e la breve parentesi dei concerti estivi, un lento crescendo in cui gli animi pop e folk-mediterraneo del gruppo coesistono.

Ma tu baciami più forte, perché mi servirà
Ché sono una causa persa, una bellissima festa
Di domani non ho certezza

Tutti i brani sono stati prodotti e registrati al Mud Sound da Lorenzo Battistel, direttore artistico e produttore. Oltre a lui, il team de La Colletta Dischi conta anche Daniele “Bullo” Russo (edizioni e management), Giovanni Favaro e Carlo Mezzalira (booking e ufficio stampa) e Sara Santi (social media manager).
Più realtà dal basso che si riuniscono per collaborare, forti di un supporto reciproco.

Facciamo colletta!

Lascia una risposta

Inserisci il tuo commento
Perfavore inserisci il tuo nome qui