In ordine di gravità ho deciso di proporre una lista degli atteggiamenti peggiori che vedo su facebook. Sono sicuro che questa lista sarà valida anche per il 2019

  • Le foto dei bambini. Ok, questo è variabile in base alle intenzioni. Auspichiamo sempre che sia solo il desiderio onesto di condividere la gioia per i propri bambini. A volte però la cosa puzza di esibizionismo, nei casi peggiori emerge uno stile di vita borghesotto da Udine bene, quella che fa finta di parlare il dialetto udinese perché usa l’espressione “gavemo” o ancor peggio il barbarico “vez”.  E lo sappiamo tutti “La Udine male è male ma la Udine bene è peggio”.
  • Iniziare la guerra del prosecco e del tiramisù o in altre parole fare scorribande sulla home di Treviso Today. Un vero friulano non può essere in guerra coi veneti, perché sa che il Tagliamento non è stato messo da Dio a caso, ma è stato posto per dividerci ed evitare ogni contatto. Quindi basta con sta storia del tiramisù: magari l’avranno inventato loro, chi se ne frega,  fatto sta che il primo scontrino fiscale è stato battuto all’Hotel Roma di Tolmezzo. In ogni caso non ci interessa provocare parlando della loro patologica tendenza all’evasione fiscale, finiamola una volta per tutte.
  • Riunirsi in un’associazione di promozione musicale e mandare centordicimila inviti cadauno di eventi musicali local. Narra una leggenda che un circolo arci di Udine avesse dato indicazione ai suoi militanti di seguire una procedura magica, una roba tipo “ctrl alt canc f7!!” per condividere automaticamente gli eventi con tutta la rubrica.
    Il risultato: sala concerti vuota e bannati persino dagli anarchici e dal mondo gay.
  • Condividere post di average furlan guy in risposta a qualsiasi post che tocchi le tematiche “diritti delle coppie omosessuali, emigrazione, integrazione, femminismo intersezionale”. Non vi piaceranno le associazioni femministe, ma darsi man forte come scimmie nell’esprimere il pensiero più gretto e grezzo  non vi rende persone fighe o dei personaggi simpatici. E lasciamo stare quel forte odore di sfiga e micropenia che vi portate appresso quando postate la foto “è finito l’otto marzo ora torna in cucina”. Tanto l’otto marzo alle 23.59 saremo lì a fare gli screenshot.
  • Pensare che alcuni gruppi facebook che trattano tematiche locali siano la giustificazione per fondare dei piccoli Ku Klux Klan in marilenghe.

Franz Candoni

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here